Immigrati. ‘Assistenza sanitaria per tutti’

Bari. In una nota inviata ai direttori di Asl e aziende ospedaliere, Fiore ha raccomandato di prestare la massima cura agli stranieri, anche se non in regola con i permessi di soggiorno

BARI – La Regione Puglia non farà mancare l’assistenza sanitaria ai cittadini immigrati. Lo ha assicurato l’assessore alla Sanità Tommaso Fiore che stamattina ha inviato una nota ai direttori generali di Asl e aziende ospedaliere in merito al Piano di accoglienza degli immigrati. Fiore ha ricordato che per loro esiste l’iscrizione obbligatoria al servizio sanitario e che lo straniero assicurato al servizio sanitario va iscritto, unitamente ai familiari, negli elenchi degli assistibili Asl del territorio in cui dichiara il domicilio, anche se non ha effettiva fissa dimora. Gli stranieri infatti possono iscriversi temporaneamente per un anno alla Asl in cui dichiarano di domiciliare. “Agli stranieri non in regola con le norme relative all’ingresso e al soggiorno – ha aggiunto l’assessore facendo riferimento alla legge regionale del 4 dicembre 2009 – sono assicurate nei presidi pubblici ed accreditati le cure ambulatoriali e ospedaliere urgenti o comunque essenziali ancorché continuative, per malattia ed infortunio e sono estesi i programmi di medicina preventiva a salvaguardia della salute individuale e collettiva”. Ai migranti “deve essere attribuito il medico di medicina generale e/o il pediatra di libera scelta per sei mesi rinnovabile”. I costi delle cure – secondo la legge – sono a carico del Ministero dell’Interno e della Regione. “Si raccomanda – ha scritto Fiore nella nota – che l’accesso alle strutture sanitarie da parte dello straniero non in regola con le norme del soggiorno non comporti alcun tipo di segnalazione all’Autorità”. Articolo correlato: Emergenza immigrati

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!