Amministrative 2011. Gli aspiranti sindaci

Lecce. Le liste sono state chiuse sabato scorso. Ecco l’elenco di tutti i candidati alla carica di primo cittadini nei 21 Comuni salentini chiamati al rinnovo del Consiglio

Lecce – 21 Comuni chiamati a votare. 61 candidati alla carica di sindaco; di cui 14 sono donne. 1.200 aspiranti consiglieri. Sono solo alcuni dei numeri che si riferiscono alle Amministrative che chiameranno il Salento alle urne i prossimi 15 e 16 maggio. Con la consegna delle liste, lo scorso sabato, i giochi di “incastri”, calcoli ed alleanze pre-elettorali si sono ormai conclusi. Ed adesso si passa alla fase più divertente. Quella della campagna elettorale. Ecco un veloce elenco dei Municipi in rinnovamento. E dei candidati al tricolore. Ai cittadini il compito di scegliere. Alessano: Giuseppe Rizzo (Nuovi Orizzonti), Francesca Torsello (Città Democratica Alessano e Montesardo), Osvaldo Stendardo (Per Alessano e Montesardo). Alliste: Antonio Ermenegildo Renna (Progetto Città), Manuela Coi (Democrazia è partecipazione). Cannole: Lucio Caggiano (Cannole verso un futuro di libertà e progresso), Adriana Benedetta Petrachi (Partecipazione e progresso per Cannole). Caprarica di Lecce: Maria Fedela Vantaggiato (Facciamo Centro), Raffaele Candelieri (L’Alternativa), Antonio Greco (Rinnovamento Democratico), Vincenzo Francesco Perrone (Progetto comune per Caprarica). Castrignano del Capo: Antonio Ferraro (Continuità-Progresso), Anna Maria Rosafio (Città Insieme). Cavallino: Michele Lombardi (Lista Gorgoni), Daniele Gigante (La città che cresce), Carla Rugge (Liberazione), Francesco Stanca (Salute, sviluppo e trasparenza). Collepasso: Vito Perrone (Unione per Collepasso), Paolo Menozzi (Alleanza per Collepasso), Carlo Marra (Progetto Nuovo Collepasso), Maria Rosaria Grasso (Rinnovamento a Collepasso). Cutrofiano: Aldo Tarantini (Per Cutrofiano), Oriele Rolli (Cutrofiano città per tutti), Fausto Luigi Melissano (La Nuova Cutrofiano). Diso: Antonella Carrozzo (Uniti per crescere), Guido Bianchi (Rinnovamento Democratico Diso e Marittima), Cosimo Nuzzo (Italia dei Valori). Lizzanello: Costantino Giovannico (Insieme per Lizzanello e Merine), Andrea Mocavero (Un paese migliore), Fulvio Pedone (Progetto Comune), Graziano Starace (Liberazione Cives). Melissano: Roberto Falconieri (Democratici per Melissano), Ferruccio Caputo (Progetto Melissano). Nociglia: Milena Gnoni (Uniti per Nociglia), Massimo Martella (In Movimento). Nardò: Antonella Bruno (PdL, Nuovocorso per Nardò, Antonella Bruno sindaco, PPdT), Marcello Risi (Nardò per Risi, UdC, SEL, IoSud Nardò Insieme, Partecipa), Giancarlo De Pascalis (Progetto Nardò, Noi per Nardò, Pd, Piazza Pulita, Semplicemente Neretini), Alfredo Ronzino (Movimento 5 stelle). Patù: Maria Luisa Cocinelli (Continuità per Patù), Francesco De Nuccio (Centopietre). Poggiardo: Damiano Cosimo Longo (Uniti per Crescere), Donato Lucio Rausa (Le ali alle città), Giuseppe Luciano Colafati (Libertà e impegno). Porto Cesareo: Vito Foscarini (Insieme per Porto Cesareo), Salvatore Albano (Progetto Futuro), Anna Peluso (Albachiara). Sogliano Cavour: Giuseppe Congedo (Uniti per Sogliano), Paolo Solito (Sogliano si cambia). Taviano: Rocco Caputo (Democratici e popolari per Taviano), Carlo Portaccio (Taviano Libera), Francesco Pellegrino (Taviano Città Aperta). Taurisano: Julio Galati (Progetto Comune Galati Sindaco), Lucio Di Seclì (Uniti per Taurisano), Maria Filomena Campos (Taurisano Rinasce). Trepuzzi: Simona Manca (Uniti per Trepuzzi), Oronzo Valzano (Solidarietà, Lavoro, Democrazia), Vito Leone (Fronte Comune). Ugento: Massimo Lecci (Cittadini protagonisti), Giulio Lisi (Lisi sindaco per cambiare), Pasquale Molle (Partecipazione e responsabilità).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment