Giovani e alcol. Mozione del Pd

Lecce. I consiglieri provinciali sollecitano l'amministrazione a riattivare il progetto “Only Life… con un bicchiere in meno…” per sensibilizzare i giovani al problema

I consiglieri provinciali del Pd, Loredana Capone, Cosimo Durante, Alfonso Rampino, Gabriele Caputo e Roberto Schiavone chiedono che, nel prossimo Consiglio, venga ridiscusso e riattivato il progetto “Only Life… con un bicchiere in meno…” per favorire il ridimensionamento della tendenza all’abuso alcolico tra i giovani, per l’abbassamento dell’età del primo approccio, nonché per riavviare il processo di conoscenza e sensibilizzazione. Il progetto è stato promosso e realizzato per 4 anni dalla Provincia e, nelle 4 annualità, l’iniziativa ha coinvolto attivamente più di 15.000 giovani tra gli 11 e i 18 anni, su tutto il territorio provinciale. E' stato, così, possibile fotografare nel dettaglio la problematica e le sue concause: la metodologia applicata ha permesso un coinvolgimento diretto della componente giovanile; ha comportato un’ampia sensibilizzazione, un’approfondita conoscenza del problema e un intervento concreto verso la diffusione di una maggiore consapevolezza sui rischi alcol – correlati e verso una correzione dei comportamenti devianti. Da 2 anni il progetto non viene promosso, determinando una grave interruzione del processo di sensibilizzazione e di educazione intraprese, mentre la problematica connessa all'abuso di alcol da parte dei minori, come si evince dalle più recenti indagini Istat, si va sempre più inasprendo. Un'azione preventiva, conoscitiva e correttiva è determinante per la riduzione dei tassi di incidenti alcol – correlati, delle patologie collegate all’abuso di tale sostanza; dei comportamenti socialmente pericolosi assunti sotto effetto di alcol e più in generale. Tale azione, inoltre, risulterebbe decisiva per la diffusione di una maggiore sensibilità e responsabilità sociale anche tra i più giovani.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Redazione

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!