Liberacittà. ‘Vi spieghiamo due anni di Amministrazione’

Casarano. L’incontro è fissato per venerdì alle ore 19:45 in piazza San Giovanni Elemosiniere. Interverranno Francesca Fersino ed i consiglieri uscenti del gruppo, Legittimo, D’Aquino e Bello

CASARANO – L’associazione “Liberacittà”, il movimento politico vicino all’ex vice sindaco Francesca Fersino, spiegherà ai cittadini di Casarano, durante un incontro pubblico, i circa due anni dell’Amministrazione comunale presieduta da Ivan De Masi. L’appuntamento è stato fissato per venerdì prossimo (ore 19:45) in piazza San Giovanni Elemosiniere. Oltre alla Fersino, interverranno anche i consiglieri uscenti del gruppo, ossia Emanuele Legittimo, Massimo D’Aquino e Aurelio Bello. In questa fase di transizione risulta interessante ascoltare tutte le componenti politiche e sociali per capire le loro proposte per il futuro della città. Ieri, con una nota, è intervenuto nel dibattito politico il Fronte Giovanile del Pdl che intende dar inizio ad un’attività propositiva di studio, per individuare gli indirizzi specifici sulle esigenze e sulle necessità della comunità casaranese. “La Politica nuova deve mettere in primo piano il territorio ed i suoi bisogni – si legge nella nota –, intervenire con strumenti propositivi sul sistema delle imprese per consentire sbocchi occupazionali; una particolare attenzione alle famiglie, che sono il fulcro del tessuto sociale ed alle loro esigenze; un impegno concreto per la conoscenza e la diffusione, ad un pubblico sempre più vasto, della nostra cultura e della nostra storia; la verifica delle aspettative dei giovani di Casarano, che sono il futuro della nostra comunità e vogliono essere sempre più preparati perché sono desiderosi di spendersi e realizzarsi”. “Lo sviluppo economico e sociale di un paese – scrivono ancora i giovani del Pdl – non può prescindere dalla crescita dei giovani e delle loro aspettative, perché questo significherebbe precludere il progresso futuro della comunità. Il gruppo del Fronte Giovanile Pdl Casarano intende per questo motivo, attivarsi nell‘individuare e proporre soluzioni e nuove idee per lo sviluppo concreto della nostra città, alla quale tutti noi siamo legati amorevolmente e che vorremmo vedere come punto di riferimento del nostro territorio”. L’eco della caduta del governo De Masi, per mano degli 11 consiglieri dimissionari, non si è ancora dispersa. Poco prima della fine della Consiliatura, era stato approvato il regolamento interno per il Centro aperto per anziani. Durante l’illustrazione ai soci del regolamento, presente anche l’ex assessore Giulia Tenuzzo, il presidente del centro, Giuseppe Internò, ha commentato gli ultimi avvenimenti. “Come cittadini siamo rimasti indignati da quello che è successo – ha affermato il presidente – perché non si spiega che in un anno si è passati dall’entusiasmo di certi personaggi alla scelta di mettere fine a questa amministrazione. Io sento gli umori della gente e posso assicurare che è arrabbiata per questo. Hanno scritto una delle pagine più nere della nostra città – conclude Internò – chi è responsabile di tutto questo dovrà dare conto all’elettorato”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment