Carte false per un alloggio popolare

Lecce. La Guardia di finanza ha scoperto un pensionato che aveva dichiarato redditi non veritieri per poter avere diritto ad un alloggio di edilizia residenziale pubblica

LECCE – Presentava certificazioni non veritiere per utilizzare un alloggio delle “case popolari” e pagare all’Ente assegnatario un canone inferiore al dovuto. Questo è quanto emerso nell’ambito di un servizio nel settore dell’edilizia residenziale pubblica, effettuato dai Finanzieri della Tenenza di Casarano. L’uomo, un pensionato di 78 anni della provincia, aveva presentato una dichiarazione attestante la composizione del nucleo familiare e reddituale con dati non veritieri, non includendo i redditi della coniuge, proprietaria di diversi immobili e quelli della figlia convivente, professionista con un reddito annuo di oltre 40 mila euro. Tutto ciò avrebbe consentito al pensionato di usufruire di una notevole riduzione del canone di locazione da corrispondere all’Ente, evitando, quindi, di rientrare nella fascia di reddito più alta con un conseguente pagamento di un canone più elevato. Dagli approfondimenti svolti dalle Fiamme Gialle, infatti, è emerso che l’uomo, già utilizzatore dell’alloggio da circa 30 anni, nell’ultimo biennio ha corrisposto un canone mensile di 23 euro a fronte di un canone dovuto di 180 euro, con un risparmio annuale di circa 5mila euro. Il pensionato è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per le ipotesi di reato ed inoltre segnalato all’Ente assegnatario dell’alloggio, per il conseguente recupero delle somme indebitamente non corrisposte.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!