'Amici del pugilato'. Restyling completato

Lecce. Il sindaco del capoluogo, Perrone, è tornato presso la palestra di Benito Urso, per effettuare il sopralluogo al termine della ristrutturazione

Come promesso, a conclusione dei lavori effettuati presso la palestra degli “Amici del Pugilato” di Lecce, il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, è tornato a far visita alla storica società salentina di pugilato, presieduta da Benito Urso, presente all’interno della Scuola Elementare di Viale Roma. Il primo cittadino aveva di persona constatato – lo scorso mese di gennaio – della necessità di effettuare dei lavori di manutenzione, atti a migliorare la sicurezza e l’igiene della struttura sportiva. Perrone, in visita proprio mentre il tecnico Tonio Mannarini stava effettuando con i suoi atleti una seduta di allenamento, ha certificato la bontà dei lavori, i quali hanno interessato la tinteggiatura delle pareti interne della palestra, l’istallazione di un parquet nella zona antistante al ring, l’aggiunta di nuovi specchi, senza trascurare l’illuminazione interna ed esterna (quest’ultima precedentemente assente del tutto). Inoltre, anche il ring, si è potuto rifare il look, grazie alla sostituzione del tappeto e ad altri lavori che hanno messo a lucido proprio il quadrato di gioco. “Sono tornato a rendermi conto di persona su ciò che si è fatto – spiega il sindaco di Lecce, Perrone – inoltre, non nascondo il fatto di essere particolarmente attratto da questo sport, così affascinante e al contempo rigido nelle sue regole e soprattutto nella sua filosofia di vita. Crediamo di aver effettuato degli interventi sufficienti per rendere in generale la struttura più confortevole, anche perché noto con piacere anche la presenza di alcune ragazze, peraltro molto brave. Adesso – conclude Perrone – vorrei assistere dal vivo anche alla prossima manifestazione pugilistica che probabilmente si svolgerà a Lecce nel prossimo mese di giugno”. Anche il presidente Urso, ha voluto ringraziare il sindaco, rammentando quelle che erano le difficoltà degli anni passati. “Questi ragazzi devono ritenersi fortunati – chiosa il presidente della società leccese, Urso – ai miei tempi si dovevano quotidianamente affrontare situazioni paradossali e in condizioni strutturali – e spesso anche igieniche – al limite del surreale. Nonostante ciò, si continuava a coltivare la nostra passione; anzi, maggiori erano le difficoltà e altrettanto cresceva la voglia e la passione verso il pugilato”. Infine, anche il maestro Mannarini, ha piacevolmente interrotto per qualche minuto la seduta di allenamento, per scambiare qualche considerazione con il primo cittadino di Lecce. “Sapevamo dell’arrivo del sindaco, quindi ci siamo organizzati per festeggiare a dovere questa nuova vita della nostra palestra, anche al cospetto di qualche dolce innaffiato da un pò di spumante – commenta Mannarini – Sono soddisfatto, perché ad una promessa il sindaco ha risposto con i fatti, peraltro presenziando di persona, prima e dopo i lavori. È importante essere seguiti ma soprattutto che le istituzioni riescano a rendersi conto di persona del lavoro che svolgiamo con i ragazzi e delle problematiche che si presentano quotidianamente. Lavorare sapendo che c’è qualcuno che si interessa al tuo operato, stimola a far meglio e a comprendere che dopotutto, almeno nel nostro caso, non siamo lasciati soli e senza ascolto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!