Sistema aeroportuale. Traffico in crescita

Bari. Rispetto all'anno passato, il capoluogo regionale ha registrato un + 14% e i passeggeri complessivamente sono stati 278.679. Bene anche Brindisi con + 31,2% pari a 137.231 passeggeri

Con soddisfazione, l’assessore regionale alla mobilità, Guglielmo Minervini, ha illustrato i dati forniti da “Aeroporti di Puglia” durante la conferenza stampa di presentazione dell'apertura della nuova linea “Air Baltic” tra Bari e Riga che consentirà collegamenti con i Paesi Baltici, il Nord Europa e la Russia. “Il sistema aeroportuale pugliese funziona – ha ribadito l'assessore – e continua a far registrare dati di traffico positivi, nonostante le preoccupazioni per il clima di crisi internazionale e il tumultuoso incremento dello scorso anno”. A Bari, rispetto a marzo dello scorso anno, si è registrato un +14% (i passeggeri complessivamente sono stati 278.679) trainato soprattutto dal traffico internazionale che ha fatto segnare il 42,4% di aumento. Per l'assessore, questa à la conferma di una vocazione che si sta affermando nello scalo barese. Percentuali positive anche a Brindisi con +31,2% pari a 137.231 passeggeri e Foggia che, con 14.375 passeggeri nei primi tre mesi, resta in linea con i dati dello scorso anno. L’assessore ha ancora una volta sottolineato le politiche di accompagnamento alle quali la Regione sta lavorando a sostegno di una destagionalizzazione dell’offerta turistica in entrata e di potenziamento dell’offerta di collegamenti pubblici interni tra gli aeroporti e le principali città pugliesi. “La prossima settimana – ha annunciato Minervini – approveremo in Giunta il finanziamento del bus navetta che collegherà Bari con le città costiere del Gargano, illustrato già alla Bit, e stiamo lavorando con le Ferrovie Sud – Est per il varo, in occasione del nuovo quadro orario, di un migliore collegamento tra l’aeroporto di Brindisi e le città di Taranto e Lecce”. Articolo correlato La Puglia decolla. 90 milioni per gli aeroporti (10 marzo 2011)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment