Tra gli ulivi secolari, spunta casa abusiva

Taurisano. L'immobile, di 230 mq, risulta composto da 9 vani più accessori, per un valore stimato superiore ai 200 mila euro, oltre a una imponente tettoia in legno

I finanzieri della Tenenza di Casarano hanno sequestrato, nel Comune di Taurisano, su un’area di terreno agricolo di circa 1.500 mq. destinato alla coltivazione di olivi, una villa di due piani, allo stato rustico, totalmente difforme rispetto al permesso di costruire a suo tempo rilasciato dal competente Ufficio Tecnico Comunale, con annesso deposito di attrezzi agricoli del tutto sprovvisto di concessione edilizia. La villa abusiva, di circa 230 mq, completamente immersa nel verde in una delle più belle e suggestive zone del Salento, tra secolari uliveti e a soli 5 km dal mare, risultava composta da nove ampi vani più accessori, per un valore stimato superiore ai 200 mila euro, oltre ad essere caratterizzata dalla presenza di una sovrastante ed imponente tettoia in legno da destinare a mansarda. Oltre a ciò, è stato scoperto un deposito di attrezzi agricoli di ulteriori 50 metri quadri e del valore di15 mila euro, ben occultato nell’appezzamento poderale e completamente abusivo. All’atto dell’intervento dei militari, i fabbricati sono risultati ultimati per la sola parte in muratura, quindi ancora privi di intonaco interno ed esterno, impianti tecnologici e relativa pavimentazione. Un secondo intervento nella medesima zona, ha consentito di rilevare la presenza di un’altra casa di campagna che, al pari della precedente, è stata realizzata in difformità al permesso di costruire, con edificazione abusiva di uno spazioso e funzionale seminterrato, esteso per ben 160 metri quadri, del valore di circa 130 mila euro. Le opere edilizie sono state sottoposte a sequestro dai finanzieri di Casarano attraverso l’apposizione dei relativi sigilli e le proprietarie, una 36enne (detenuta presso il carcere di Lecce per altri reati) e una 55enne del posto, sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Lecce per violazione delle norme in materia edilizia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment