La spesa? Nei sacchetti riutilizzabili

Lecce. Il capoluogo salentino aderisce alla campagna nazionale “Porta la sporta”: sacchetti in tela utilizzabili più volte al posto del sacchetto di plastica

LECCE – Anche Lecce aderisce alla campagna nazionale denominata “Porta la sporta”, un’iniziativa che punta alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla necessità di adottare una borsa riutilizzabile in ogni situazione di acquisto e trasporto, così da ridurre drasticamente il ricorso a sacchetti di plastica monouso che possiedono un notevole impatto negativo sull’ambiente. Questa seconda edizione della settimana nazionale – in programma dal 16 al 23 aprile – acquista particolare significato nell'anno in cui è entrato in vigore il divieto di commercializzazione per i sacchetti di plastica ed è stata recepita l'ultima direttiva europea in materia di gestione dei rifiuti che, per la prima volta, mette la prevenzione del rifiuto tra le azioni prioritarie da intraprendere. La campagna Porta la Sporta è l'unica realtà che dal marzo 2009 ha lavorato intensamente a livello nazionale e in modo mirato per preparare l'opinione pubblica al divieto dei sacchetti di plastica di cui si parlava dal 2007. Attraverso un'attività di comunicazione capillare ha promosso presso enti locali, associazioni di varia natura e aziende, tra cui la grande distribuzione, un pacchetto mirato alla riduzione del sacchetto monouso. Con il supporto del suo sito ha fatto informazione sul danno ambientale derivato dalla plastica ma anche sulla necessità di andare oltre ad un consumo “usa e getta” per evitare che, con l'entrata in vigore del divieto si passasse, a parità di consumo, ad un altro materiale monouso, seppur biodegradabile ma non per questo privo di impatto ambientale. L'obiettivo primario della campagna è quello di eliminare progressivamente le soluzioni “usa e getta” quando si hanno a disposizione per lo stesso utilizzo della soluzioni a più basso impatto ambientale. Il sacchetto, che non è certamente il peggior nemico dell'ambiente, rappresenta però l'emblema del consumismo. La campagna, a partire dal racconto sul sacchetto di plastica, vuole far ragionare sull'uso improprio della plastica nell'usa e getta e sull'assurdità di sprecare energia e risorse preziose per soddisfare comodità momentanee e compromettere il futuro delle generazioni a venire. L’adesione del Comune di Lecce all’iniziativa si concretizzerà attraverso la produzione di borse riutilizzabili in tela sulle quali stampare il logo del Comune ed uno slogan che inviti a far uso della borsa piuttosto che dei sacchetti di plastica. Ma non solo. Le borse verranno distribuite, durante la settimana dal 16 al 23 aprile, a tutti gli alunni delle scuole primarie delle città, in modo da raggiungere un elevato numero di famiglie, sollecitandole a modificare i propri comportamenti in ogni situazione di acquisto e di trasporto. L’altro messaggio che Porta la sporta vuole trasmettere è che tutti possono prender parte alla lotta ai cambiamenti climatici in atto, riducendo l'impronta ecologica determinata da sbagliati stili di vita.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment