‘ItaliaWave-Love Festival’. Lecce si prepara all’evento dell’estate

GUARDA I VIDEO. Lecce. Ci saranno Lou Reed , Paolo Nutini, Kaiser Chiefs, Jimmy Cliff, Sud Sound System e Verdena. E questi sono solo i primi nomi del ricco Cartellone

LECCE – C’è grande attesa per quello che sarà l’evento artistico, culturale e turistico dal respiro internazionale che segnerà l’estate salentina, l’estate della Puglia. “ItaliaWave-Love Festivaldal 14 al 17 luglio. E’ stato presentato in conferenza stampa, alle Officine Cantelmo. C’erano Silvia Godelli, assessore al Mediterraneo, Cultura, Turismo della Regione Puglia; il sindaco di Lecce, Paolo Perrone; la vice presidente della Provincia di Lecce e assessore alla Cultura, Simona Manca; Alfredo Prete, presidente della Camera di Commercio di Lecce; Mauro Valenti, organizzatore di “ItaliaWave Love Festival”; Stefania Mandurino, commissaria Apt di Lecce. “Il Festival più importante d’Italia, siamo contenti che si faccia a Lecce, grazie ad un’ottima organizzazione tra le istituzioni” dice il sindaco di Lecce Paolo Perrone. “Lecce e il Salento protagonisti di un grosso evento” sottolinea Simona Manca, vice presidente della Provincia di Lecce. “L’intera Puglia ma anche il paese guarderanno a questo grande evento delle culture giovanili e naturalmente delle musiche come grande attrattore per il nostro territorio, per Lecce e per il Salento, un’occasione straordinaria di lavoro comune con le giovani generazioni”, ha detto Silvia Godelli assessore al Mediterraneo, Cultura, Turismo della Regione Puglia. Di promozione turistica ha parlato Alfredo Prete, presidente della Camera di Commercio di Lecce. Di promozione turistica forte ha detto anche Stefania Mandurino, commissaria Apt di Lecce. “Lecce sarà al centro dell’Europa, dell’Italia per quanto riguarda il pubblico giovanile, tanta gente arriverà, un biglietto da visita fondamentale” dice Mauro Valenti organizzatore di “ItaliaWave – Love Festival”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment