Nautica da diporto. La Puglia batte il ‘ferro caldo’

Brindisi. Scambi commerciali per 794 milioni di euro nel 2010. Le opportunità dei rapporti Puglia-Balcani saranno illustrate in un workshop nell’ambito dello Snim

BRINDISI – Per comprendere le opportunità che possono nascere per la Puglia dai mercati dei Balcani nel settore della nautica da diporto, bastano due cifre: 34,6 miliardi di euro e 794 milioni di euro. Il primo si riferisce agli scambi commerciali conclusi nel 2010 tra l’Italia ed i Paesi balcanici; il secondo, a quelli tra la Puglia e gli stessi territori. Numeri che raffigurano ottimi risultati. E’ facile immaginare che la Regione pugliese abbia tutta l’intenzione a battere il ferro caldo ed ad incrementare ulteriormente i rapporti, con sperato vantaggio sia per le aziende pugliesi di produzione operanti nel settore nautico, sia per gli operatori turistici impegnati nel diportismo nautico interessati a sviluppare e presidiare le opportunità d'affari su questi mercati. Un approfondimento sul tema è stato organizzato per venerdì 25 marzo da Regione Puglia e Sprint Puglia (Sportello Regionale per l'Internazionalizzazione delle Imprese) ed in collaborazione con il Distretto Produttivo della nautica da diporto pugliese. Un workshop che si inserisce nell’ambito dello Snim, Salone nautico di Puglia, che si è aperto ieri a Brindisi per concludersi domenica 27 marzo. Durante l'incontro verranno analizzati i futuri scenari di sviluppo per il settore della nautica in Puglia, partendo proprio dai dati positivi del 2010. La collaborazione tra i due territori che si affacciano sul Mar Adriatico è rafforzata tra l’altro dalla struttura delle rispettive economie, fondate per larga parte da imprese di piccole e medie dimensioni. Il workshop è articolato in due sessioni. La prima sessione sarà incentrata sulla presentazione delle iniziative del Distretto produttivo della Nautica da diporto volte a creare sinergie e partenariati nel bacino dell'Adriatico, sulla presentazione dei servizi a sostegno della internazionalizzazione delle imprese pugliesi verso i Balcani e sugli strumenti ed opportunità d'affari per gli operatori pugliesi nel settore. La seconda presenterà un focus settoriale sulle opportunità di integrazione della portualità turistica nel bacino dell'Adriatico oltre alle opportunità di collaborazione in ambito produttivo per gli operatori di settore pugliese. Lo Snim di Brindisi rientra tra le azioni programmate dalla Regione Puglia nell’ambito dei “Progetti Settore” previsti per il 2011 per promuovere l'internazionalizzazione dei sistemi produttivi pugliesi. I Progetti Settore sono finalizzati a rafforzare l'immagine e la capacità di presidio dei distretti e sistemi produttivi locali sui principali mercati internazionali. // Il programma del workshop Aprirà i lavori la vicepresidente e assessora regionale allo Sviluppo economico Loredana Capone, mentre toccherà al presidente del Distretto pugliese della Nautica da Diporto, Giuseppe Danese, presentare le strategie di sviluppo del distretto regionale e fornire indicazioni sulle opportunità di sinergia e partenariato per la nautica da diporto ed il turismo nautico nel bacino dell'Adriatico. L'incontro costituisce un’opportunità per le imprese pugliesi che operano nel settore e che intendano orientare il proprio sviluppo verso i mercati balcanici in quanto prevede l’intervento di esperti del settore che potranno fornire informazioni dettagliate agli imprenditori. In allegato il programma del workshop. Articoli correlati: 'Progetti – Settore': la Puglia sul mercato estero (14 febbraio 2011)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment