Libia. Consiglio regionale monotematico

Bari. E' la richiesta del consigliere Curto (Udc) di fronte al coinvolgimento dell'Italia e del territorio pugliese nell'azione militare

Il vice capogruppo Udc alla Regione Puglia, Eupreprio Curto, ha chiesto al presidente del Consiglio regionale, Onofrio Introna, “la convocazione urgente di un Consiglio regionale monotematico che dibatta sulle problematiche relative alle ultime drammatiche vicende libiche per individuare le criticità e le emergenze, in guisa da fornire allo stesso Governo nazionale valutazioni e proposte utili a meglio superare la delicatezza del momento”. “Il nostro Paese – aggiunge Curto – è coinvolto nel conflitto libico e per questo la Regione Puglia non può avere un ruolo di spettatrice passiva di tali accadimenti”. “Tutto ciò non è possibile – continua l'esponente dell'Udc – sia perchè proprio nella nostra regione sono allocate due tra le più importanti basi (Amendola e Gioia del Colle) che supporteranno l'intervento militare coordinato dall'Onu, sia perchè è prevedibile a breve una ondata immigratoria di straordinaria dimensione, sia perchè è necessario verificare la natura e la consistenza (oltre che i rischi) degli interessi delle imprese pugliesi operanti in Libia, sia perchè, nel pieno rispetto delle prerogative del Governo e del Parlamento, anche l'istituzione Regione si interroghi sugli equilibri geopolitici ed economici che al conflitto inevitabilmente seguiranno”. Il presidente del Consiglio regionale, Onofrio Introna, ha in seguito reso noto che sottoporrà la richiesta alla valutazione dei presidenti dei gruppi consiliari, nella Conferenza dei capigruppo convocata per domani, alle 10.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment