Oh oh, mi è sembrato di vedere un patriota salentino

LA STORIA DELLA DOMENICA. Lecce. Singolare iniziativa dell’associazione “C’era una volta” per far conoscere ai leccesi i personaggi protagonisti del Risorgimento salentino

LECCE – Puoi vederli sbucare dall’angolo di una strada o da dietro un edificio. Meglio stare con occhi ed orecchie ben attenti, dunque. I patrioti salentini oggi tornano protagonisti della città di Lecce. In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, la manifestazione “C’era una volta l’Italia” proporrà un percorso guidato e interattivo per far conoscere al pubblico le storie dei personaggi salentini che presero parte al Risorgimento. Una guida condurrà indietro nel tempo e gli attori di “ImprovvisArt cooperativa” interpreteranno i patrioti salentini Antonio Panzera, Giuseppe Libertini, Sigismondo Castromediano e Antonietta De Pace, entrando in scena nelle rispettive vie e piazze ad essi intitolate. Dalle loro stesse voci sarà possibile riviverne le vite e le gesta che condussero all’Unità d’Italia. Notizie storiche, ma con un linguaggio interattivo, che coinvolgerà adulti e bambini alla riscoperta della creazione dello stato italiano unito. L’idea è venuta in mente all’associazione “C’era una volta” che si occupa di storia. L’approfondimento sulle figure di patrioti tramite puntuali ricerche negli archivi storici è stato dunque pane quotidiano. Poi la passione per il territorio, l’intenzione di valorizzarne i protagonisti e l’elaborazione di idee innovative per coinvolgere il pubblico che prenderà necessariamente parte alle performance hanno fatto il resto. Il percorso alla riscoperta della “Lecce pre-spedizione dei Mille” avrà inizio alle ore 10.30 in piazzetta Panzera, dove i cittadini incontreranno e conosceranno più da vicino il patriota Antonio Panzera. Si proseguirà per via Libertini dove sarà letto il proclama di Giuseppe Libertini; quindi appuntamento in piazza S. Oronzo con il racconto della battaglia di piazza Sant’Oronzo del 29 giugno 1848. Il percorso continuerà in piazzetta Castromediano per incontrare Sigismondo Castromediano. A mezzogiorno è previsto l’arrivo alla Villa Comunale con la ricostruzione del puzzle “Italia Tricolore” e la partecipazione all’iniziativa “Garibaldi per un giorno” (in via del tutto esclusiva anticipiamo che chiunque potrà sentirsi Garibaldi e farsi fotografare il suo mezzobusto). In Villa i cittadini faranno la conoscenza di Antonietta De Pace, attivissima per la ricostruzione d’Italia. Lo sapevate, ad esempio, che partecipò in prima persona alla spedizione di garibaldini? Ma non è tutto, perché c’è tanto che non si può svelare in anteprima. Piccole sorprese animeranno la passeggiata; l’invito è quindi a vivere la giornata al 100 per cento in attesa di lasciarsi trascinare nella storia. // C’era una volta Ricercare nel passato, nei documenti e nella storia, i fondamenti dell’oggi. L’associazione “C’era una volta” è composta da Alessandro Torsello, che è il presidente, e da Loredana Lazzari, che è la curatrice della manifestazione di oggi. Si è costituita ufficialmente il nel 2009, vincendo il bando Principi attivi. I due membri però già lavoravano insieme da circa un decennio. Il feeling, infatti, è collaudato. // Improvvisato è meglio Nata nel 2008, la cooperativa “ImprovvisArt” è affiliata ad IMPROTEATRO, associazione culturale nazionale senza scopo di lucro, che dall’inizio degli anni ‘90 si occupa di diffondere l’arte dell’improvvisazione teatrale, attraverso scuole e associazioni distribuite sul territorio. Vincitrice di Principi Attivi della Regione Puglia, “ImprovvisArt” si occupa di organizzazione e realizzazione di eventi legati al mondo dell'arte, dello spettacolo e della musica. La cooperativa è composta da Alessandra Villa e Fabio Musci. Allo spettacolo di oggi prenderanno parte anche allievi dei corsi di improvvisazione, in particolare Francesco mauro, Bruno De Gaetano, Stefania Semeraro, tutti press’a poco trentenni. I corsi tuttavia sono seguiti da allievi di tutte le età. Orgoglio della scuola è il fatto che essa è “adatta ai bambini dal 18 ai 99 anni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment