Inno di Mameli nelle scuole. Ok di Idv

Anche l'Italia dei valori appoggia la proposta di legge di insegnare l’inno nelle scuole

La proposta di insegnare l’inno nazionale nelle scuole diventa bipartisan. Dopo il deputato salentino del Pdl Ugo Lisi, anche l’Italia dei Valori dichiara il suo voto favorevole alla proposta di legge. Sulla questione il deputato Pierfelice Zazzera (Idv), capogruppo della commissione Cultura della Camera precisa: “Si tratta di un’iniziativa da condividere perché l’insegnamento dell’inno nazionale negli istituti scolastici della scuola primaria e secondaria di primo grado, non solo è un atto di rispetto nei confronti dei valori della nazione e della patria, ma è anche rappresentativo della solidarietà che da sempre ha distinto il nostro Paese. Alle spinte secessioniste che stanno tentando di disintegrare l’unità nazionale – conclude Zazzera – bisogna rispondere con la formazione dei giovani, affinché acquisiscano sin dai primi anni il lievito per migliorare il Paese futuro”. 16 marzo 2011 ‘Inno nazionale nelle scuole’ Promuovere tra gli studenti la conoscenza dell’inno nazionale italiano per consolidare il sentimento di coesione e appartenenza ad una stessa Patria che ci deve accomunare tutti quanti. È questo lo scopo della proposta di legge presentata dal deputato salentino del Pdl Ugo Lisi e da numerosi colleghi nella quale si lancia l’iniziativa, a partire dall’anno scolastico 2011/2012, nelle scuole del primo ciclo di istruzione, di insegnare l’inno nazionale e, soprattutto, i suoi fondamenti storici e ideali. Diverse nazioni europee, come la Francia, hanno avviato da tempo progetti di sensibilizzazione e promozione dei principi di identità nazionale e patriottici. Le cause della scarsa conoscenza di un’opera quale “Il Canto degli Italiani”, meglio conosciuto come “Inno di Mameli”, che, attraverso le sue note, nel corso delle celebrazioni solenni e le manifestazioni internazionali, costituisce un momento di profonda commozione e coesione, sarebbero da ricercarsi, secondo Lisi, nella mancanza di un’idonea opera di insegnamento e diffusione che dovrebbe essere attuata soprattutto negli ambiti scolastici. “Soltanto una consapevolezza profonda dei principi dei valori ideali di un popolo – commenta il parlamentare – è in grado di realizzare un’efficace azione di integrazione socio-culturale e di condivisione di ideali; ecco perché, è giunto il momento, di attivarsi per favorire l’apprendimento di questo importante pezzo della nostra storia identitaria e di fornire i supporti didattici necessari ad esprimere il suo significato”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment