Vendeva coltelli senza autorizzazione

Tutta la merce è stata sottoposta a sequestro e il responsabile, un quarantenne di nazionalità polacca, è stato denunciato

I Finanzieri della Tenenza di Leuca hanno fermato un venditore ambulante che deteneva per la vendita al pubblico 53 coltelli a serramanico e a scatto, senza avere la necessaria autorizzazione. Infatti, trattandosi di strumenti da punta e taglio atti ad offendere, la normativa in materia di Leggi di Pubblica Sicurezza impone che la vendita debba essere preventivamente autorizzata. Pertanto, i militari hanno proceduto al sequestro dei coltelli denunciando il responsabile all’Autorità Giudiziaria di Lecce. Inoltre, il controllo, esteso a tutta la merce posta in vendita dallo stesso ambulante, ha evidenziato altre irregolarità dovute alla mancanza delle etichette e, quindi, di tutte quelle informazioni obbligatorie, che generalmente su di esse sono riportate, previste dalla vigente normativa rivolta a tutelare la sicurezza e la salute dei consumatori. In particolare, 474 articoli, di cui 218 paia di occhiali, sono risultati sprovvisti delle indicazioni relative al Paese di provenienza, ai materiali impiegati, alla relativa composizione merceologica, alle precauzioni d’utilizzo ed altro ancora. Tutta la merce è stata sottoposta a sequestro ed il responsabile, un quarantenne di nazionalità polacca, è stato segnalato all’organo amministrativo competente, che rischia per questo una multa fino a venticinquemila euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment