Cia ed Anp. ‘Salute per tutti’

Bari. Il convegno organizzato dalle 2 associazioni ha ribadito la necessità di tagliare, in Puglia, gli sprechi e le liste d’attesa

BARI – “Salute per tutti”. Lo hanno gridato ieri la Cia (Confederazione italiana agricoltori) e l’Anp (Associazione nazionale pensionati) di Puglia nel corso del convegno regionale sul diritto alla salute. In particolare, le due associazioni hanno chiesto al Governo regionale il rispetto dei principi e dell’organizzazione del servizio socio-sanitario regionale sanciti dalla legge 3 agosto 2006, n.25. Una nuova e vera politica dell’utilizzo delle risorse finanziarie a favore dell’assistenza territoriale. Solo successivamente alla riqualificazione ed al potenziamento dell’assistenza territoriale, hanno sostenuto, si potrà procedere alla revisione della struttura ospedaliera per una sanità equa, senza sprechi di risorse e con meno spese. “Noi rivendichiamo – ha spiegato il presidente della Cia Puglia Antonio Barile -, con tutti i pensionati ed i cittadini pugliesi, il rispetto del diritto costituzionale alla salute contro gli sprechi e le liste di attesa. Oggi il diritto alla salute a causa di molti disservizi è violato. Le liste di attesa sono la causa principale del mancato diritto alla salute del servizio sanitario regionale, della migrazione sanitaria, costosissima per il bilancio sanitario regionale, e della forzata e insostenibile scelta delle visite private a pagamento, unica possibilità per accedere subito e senza attesa ai servizi del sistema sanitario pubblico. Il sistema dei tempi lunghi delle liste di attesa aumenta fortemente le discriminazioni e le disuguaglianze tra i cittadini abbienti e quelli meno abbienti in quanto questi ultimi non posseggono risorse finanziarie che permettono loro di curarsi dignitosamente. Il diritto alla salute per i non autosufficienti è pressoché inesistente. Il calvario sociale ed economico dei cittadini non autosufficienti ricade totalmente sulle spalle delle famiglie. È negato – ha aggiunto Barile – il diritto ad una adeguata assistenza domiciliare integrata per garantire agli anziani ed ai cittadini non autosufficienti la possibilità di curarsi al meglio, restando nella propria casa e nel proprio ambiente affettivo. Grazie alle badanti, per chi ha le condizioni economiche adeguate, il dramma viene relativamente attutito. Ai malanni, che oggettivamente colpiscono maggiormente gli anziani, il sistema socio-sanitario non sempre risponde adeguatamente creando sgomento, rabbia ed angoscia tra i cittadini della terza età”. E per gli anziani il problema non è solo legato ai servizi socio-sanitari ma anche alle pensioni spesso insufficienti a fronteggiare le spese sanitarie. “Il quadro socio-economico degli anziani in Puglia – ha evidenziato il presidente regionale dell’Anp Puglia Mauro Zaccheo – è caratterizzato da circa 900mila pensionati, le cui pensioni medie mensili sono di 665,00 euro. Oltre 200mila pensionati autonomi – coltivatori diretti, artigiani – percepiscono pensioni mensili mediamente di 460,00/517,00 euro. È chiaro, chiarissimo che i nostri anziani vivono in uno stato di povertà, per i quali il diritto alla salute è quasi del tutto negato. Privare i cittadini della terza età dei moderni ed adeguati servizi socio-sanitari – ha aggiunto – di un efficace prevenzione e cura per prolungare la durata della vita sana ed in salute è un delitto sociale. Il diritto ad una bocca sana non esiste: è vietato per molti anziani il diritto alla cura dei denti. Le cure odontoiatriche a carico del sistema sanitario pubblico, quasi inesistenti, impongono il ricorso ai privati con costi insostenibili che spingono molti anziani con basso reddito a rinunciare al benessere di una bocca sana. Il diritto alla salute per i non autosufficienti è pressoché inesistente. Col piano di rientro sanitario il depotenziamento delle strutture ospedaliere in mancanza di un’adeguata organizzazione socio-sanitaria nel territorio aggraverà i disservizi ai cittadini ed agli anziani”. Pertanto, secondo Zaccheo la strategia del sistema sanitario italiano e pugliese dovrebbero essere guidati dai principi di etica, trasparenza, semplificazione e controllo. Per gli anziani l’Anp propone pertanto una corsia adeguata di servizi ed in primis il superamento delle liste di attesa, in ragione dell’età avanzata e delle possibili insorgenze di gravi patologie. In particolare, al presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, chiede la costituzione di un “laboratorio regionale sulla Terza Età”, formato da esperti di alta professionalità nel settore geriatrico, con la partecipazione dei medici di famiglia, dei sindacati e dei pensionati, per studiare ad affrontare adeguatamente il fenomeno dell’invecchiamento della popolazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment