Pdl+Ppdt. Firmato il patto

Bari. A fare da collante tra le due realtà politiche, l’identità dei valori di riferimento, che sono quelli del riformismo moderato e del cattolicesimo liberale

BARI – Da una parte “l'esperienza e la leadership del Pdl”, dall'altra “la forza territoriale della Puglia prima di tutto, ben radicata in Puglia”. E' stato firmato ieri mattina un patto federativo dai vertici regionali pugliesi del Popolo della libertà e della Puglia prima di tutto. “Il collante di un rapporto che dura dal giorno in cui la Puglia prima di tutto è stata fondata da Raffaele Fitto – ha sottolineato il coordinatore regionale Ppdt, Salvatore Greco – è nella identità dei valori di riferimento, che sono quelli del riformismo moderato e del cattolicesimo liberale: con questo patto il Pdl ci riconosce oggi dignità di partito e avvia una fase nuova nella quale sarà più facile il dialogo nelle singole realtà locali”. Di “identità di vedute e continuità politica” ha parlato il capogruppo Pdl alla Regione, Rocco Palese, ricordando come un analogo patto con l'allora Forza Italia sia stato sottoscritto già nel 2005, all'indomani delle elezioni regionali. “Da allora – ha confermato Damone – la attività politica in Consiglio regionale si svolge in piena intesa tra i due gruppi”. “In fondo – ha aggiunto Distaso – questo è il progetto di Pinuccio Tatarella di riunire tutte le forze moderate non di sinistra che, sottolineo con un pizzico di presunzione, in Puglia stiamo realizzando con successo come attestano i risultati eccellenti conseguiti nelle competizioni elettorali: la Puglia prima di tutto non è un movimento che nasce dall'interno del Pdl, come sottrazione di voti – ha concluso – ma scaturisce dalla società civile e dall'esterno, come apporto aggiuntivo in termini di programmi e consensi”. Alla sottoscrizione del patto federativo hanno partecipato il coordinatore e vicecoordinatore regionali Pdl, Francesco Amoruso e Antonio Distaso, il coordinatore e il capogruppo regionali Ppdt, Salvatore Greco e Francesco Damone. In allegato, il patto federativo sottoscritto ieri.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment