Taviano, secca sconfitta a Loreto

La pallavolo leccese ha perso

Il Taviano ha giocato a sprazzi e non ha convinto. Il risultato di tre a zero rispecchia in pieno il ritmo partita

Taviano torna da Loreto con la netta sconfitta patita al “Massimo Serenelli”: 3-0 per i padroni di casa che hanno chiuso i tre parziali sul 25-22, 25-18, 25-22. I salentini sono stati costretti a rincorrere gli avversari per buona parte dell’incontro, eccezion fatta per la frazione d’apertura del terzo set. Nella partita della solidarietà in favore dei monaci Birmani, Taviano gioca a sprazzi, ma il primo set è condizionato dal brutto avvio dei giallo-rossi (5-0, 13-7, 18-12) che di fatto non può che determinare l’1-0 per Loreto dopo la disputa del primo set, chiuso sul 25-22 con la doppia razione finale di punti di Peda. Nel secondo set l’inerzia della partita non cambia, anzi Loreto accelera maggiormente quando a ridosso della seconda sospensione obbligatoria sente sul collo il fiato di Taviano (15-12). Al rientro in campo Dunnes e soci stoppano ripetutamente i salentini (19-12), e neanche il ricorso ai cambi di Dagioni (Romani entra al posto di Chocholak) riescono a sovvertire il trend dell’incontro. Che già dopo poco meno di un’ora vede Loreto avanti sul 2-0 (con il secondo parziale fissato sul 25-18 per l’errore in battuta di Taviano). Sotto per due set a zero i leccesi tentano una reazione. Guadagnano il vantaggio già in apertura di game e lo difendono fino al suono della seconda sirena obbligatoria. Ma evidentemente non è la serata giusta per compiere imprese. I padroni di casa infatti riprendono la loro marcia e sul 18-17 tornano a comandare il set. Portato poi a conclusione quando il tabellone fissa con il parziale 25-22 il definitivo 3-0 di Loreto su Taviano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!