Circolo Tennis. 4 domande dai cittadini

Lecce. Prosegue intanto la petizione popolare per trasformare il Centro sportivo in un polmone verde per la città

Sono ormai 20 giorni che un Comitato chiede di destinare il Circolo Tennis “Mario Stasi” di Lecce a parco attrezzato per la città e raccoglie le firme per una petizione popolare da consegnare al sindaco, Paolo Perrone. Tanti cittadini hanno rivolto al Comitato promotore dell'iniziativa 4 “semplici” domande. 1) come mai l'Amministrazione comunale, nelle sue diverse espressioni, non ha ancora detto chiaramente cosa intende fare per recuperare l'ingente morosità del Circolo, che ammonta a circa 40 mila euro? 2) se il dirigente del Settore Patrimonio del Comune (o chi per lui), su cui grava la responsabilità di tutti gli atti necessari al recupero della morosità del sodalizio, abbia adottato tutti gli adempimenti di propria competenza per il recupero della somma in questione; se inoltre abbia provveduto ad intimare al Circolo tennis il provvedimento di sfratto per morosità persistente, al fine di evitare una sorta di danno erariale? 3) se non sussistano eventuali ipotesi di reato per l'aver consentito che un bene pubblico dato in concessione sia stato utlizzato senza corrisponedere il costo contrattuale? 4) se il Consiglio comunale, che si terrà nei prossimi giorni per discutere,tra gli altri argomenti, anche della la vicenda del Circolo tennis, non intenda adottare un provvedimento di indirizzo alla Giunta con il quale si revochi la concessione al sodalizio moroso?. Intanto la raccolta firme continua. 6 marzo 2011 – Circolo Tennis: firme a quota 1000 Oltre 150 cittadine e cittadini leccesi hanno firmato la petizione popolare per chiedere al sindaco Paolo Perrone di fare del Circolo tennis un parco a verde attrezzato per tutta la città, previa indizione di un concorso di idee, da fare in tempi brevissimi, al fine di scegliere l’idea progettuale migliore, rispondente alle peculiarità dell’area del centro sportivo e dell’attigua area Carlo Pranzo. “Siamo giunti, così – fanno sapere dal Comitato promotore dell'iniziativa – alle 1000 firme raccolte, un obiettivo che va al di là delle nostre stesse previsioni. Segno questo di quanto grande sia l’indignazione presente tra i cittadini sia verso la morosità maturata dal sodalizio che gestisce quella struttura, sia perché non sono stati ancora adottati tutti i provvedimenti dovuti per recuperare la somma di 40mila euro dovuta al Comune dal Circolo tennis”. Ma altrettanta indignazione è stata espressa per il fatto che il primo cittadino di Lecce, anziché adoperarsi per porre fine a quella situazione scandalosa, “continuia invece a servirsene anche in presenza di un così forte contenzioso che produce un danno erariale alle casse comunali”. La mobilitazione continuerà nei prossimi giorni in primo luogo presso le sedi dell’Università, ma anche nel prossimo fine settimana in piazza sant’Oronzo. 5 marzo 2011 – Circolo Tennis: la raccolta firme continua Toccata quota 700, la raccolta di firme non si arresta. Il Comitato Promotore della petizione popolare per trasformare il Circolo Tennis “Mario Stasi” di Lecce in un polmone verde attrezzato per la città, dà appuntamento ai cittadini, oggi pomeriggio, dalle ore 17 alle ore 20 e domenica 6 marzo dalle ore 10 alle 19 al gazebo di piazza Sant’Oronzo. Nello stand sarà esposta una mostra fotografica insieme ad una rassegna stampa con gli articoli apparsi sulla stampa locale nel corso di questi giorni, che trattano la vicenda del Centro sportivo. 27 febbraio 2011 – Circolo Tennis: raccolte 250 firme Oltre 250 cittadine e cittadini leccesi, questa mattina, in Piazza Sant'Oronzo, hanno sottoscritto la petizione popolare al sindaco di Lecce per fare dell’area del Circolo Tennis “Mario Stasi” (resa in concessione dal Comune di Lecce) e dell’ex “Carlo Pranzo”, un polmone verde attrezzato per la città. Il tutto, previa indizione di un concorso di idee per la scelta della migliore soluzione progettuale. “La partecipazione di questa mattina – dice il Comitato promotore dell'iniziativa – ci stimola ad andare avanti con maggiore impegno grazie all’apporto di altri cittadini e intanto, chiediamo al sindaco di evitare di assumere qualunque impegno teso solo a far saldare al Circolo la morosità maturatadi 37mila euro”. “La partecipazione della gente – continuano – è un segnale che va nella direzione opposta a quella che il Comune vorrebbe praticare, ovvero consentire il pagamento dilazionato della morosità e lasciare le cose come stavano e stanno”. Forti di questo risultato e grazie al sostegno avuto da tutti gli organi di informazione, il Comitato ha deciso di proseguire la raccolta delle firme con le seguenti modalità: – nei prossimi giorni, grazie al contributo di alcuni cittadini, le firme saranno raccolte nell’Università, nell’ospedale Vito Fazzi, nell’Inps, nella Ausl, nelle scuole superiori, davanti ai supermercati; – per sabato pomeriggio e domenica mattina della prossima settimana, sarà allestito un gazebo in piazza Sant’Oronzo con l’esposizione di una mostra fotografica. 26 febbraio 2011 – 'Il Circolo Tennis diventi un parco' “Che la struttura sportiva diventi un parco pubblico”: è questa la richiesta di un gruppo di cittadini leccesi, che questa mattina hanno manifestato di fronte all’ingresso del Circolo Tennis del capoluogo, promuovendo una petizione popolare con raccolta delle firme nel gazebo in piazza Sant’Oronzo. L'idea è che l'area, di proprietà del Comune e in concessione all’associazione sportiva, sia riconvertita. Tra l'altro, la gestione, come noto, ha maturato un debito, attualmente di 37 mila euro, nei confronti dell’amministrazione. I manifestanti, attraverso un concorso di idee, propongono di individuare la soluzione progettuale migliore per il recupero e la riqualificazione dell’area del Circolo tennis e a quella dell'ex Carlo Pranzo (che il Circolo, invece, vorrebbe in concessione). A decidere, sarebbe una commissione composta da esperti di urbanistica.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment