Regione: quasi 2 milioni di euro per gli Lsu

Bari. Monte ore elevato a 36. Gli Enti potranno presentare progetti da sottoporre alla Commissione regionale Politiche del Lavoro

Per i Lavoratori socialmente utili (Lsu) una buona notizia. La Giunta regionale ha deliberato un programma per incentivare, attraverso finanziamento, l'aumento delle ore di attività (elevando il tetto fino ad un massimo di 36 ore settimanali) ed estendendo il provvedimento a tutti i Comuni interessati, in modo da consentire agli Enti di presentare un apposito progetto da sottoporre alla Commissione regionale Politiche del Lavoro. La copertura finanziaria ammonta a 1.720.371,50. L'importo sarà corrisposto solo per le ore di effettiva presenza del lavoratore presso l'Ente Come noto, la sitazione di questa categoria è drammatca. Pochi giorni fa, il Consiglio Regionale ha approvato all’unanimità un odg con cui ha espresso solidarietà agli oltre 1200 lavoratori socialmente utili della provincia di Lecce, impegnati nel servizio di pulizia nelle scuole statali e si impegna il Presidente e l’intera Giunta regionale ad attivare ogni soluzione per venire incontro alle loro istanze. Il 3 marzo, invece, si è svolto, a Roma, un incontro con alcuni rappresentanti dei lavoratori, di Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uil Trasporti, ricevuti dal sottosegretario del Ministero dell'Istruzione, Giuseppe Pizza. Il confronto è servito a sbloccare i finanziamenti per gli stipendi arretrati del 2010 (ovvero i soldi per il pagamento delle fatture alle aziende che hanno in appalto il servizio di pulizie) ma nessun passo avanti è stato fatto per la stabilizzazione dei lavoratori. Inoltre, al tavolo tecnico, tenutosi a Lecce, in Provincia, il giorno successivo, il Ministro, Raffaele Fitto, era assente. la questione è stata dunque, rimandato, all'incontro del 22 marzo. Articoli correlati Ex lsu. Tavolo tecnico senza il Governo (4 marzo 2011) Lsu, lavoro per 36 ore settimanali e contributi previdenziali (28 dicembre 2010)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment