Cutrofiano: delibera blocca impianti fotovoltaici

Decadute le Dia per strutture sotto 1 mw, dopo il pronunciamento della Corte Costituzionale

Il Forum “Amici del Territorio” plaude alla delibera della Giunta del Comune di Cutrofiano (n. 24 del 25 febbraio 2011) in cui si demanda “al Responsabile del Settore Edilizia, la verifica della sussistenza dei requisiti di legge delle Dia in itinere e/o di quelle con dichiarazione d’inizio lavori agli atti dell’Amministrazione Comunale e, all’esito, di sospenderle e di dichiarare le stesse decadute se alla data del 16 gennaio 2011 gli impianti non siano già entrati regolarmente in esercizio notificando quanto sopra alle ditte interessate”. Gli impianti hanno avuto una battuta di arresto conseguente al pronunciamento della Corte Costituzionale, che con la sentenza del 26 marzo 2010 n. 119, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dei commi 1 e 2 dell'art. 3 della Legge Regionale Puglia n. 31/2008 (L. R. n. 31/2008) che consentivano la presentazione della semplice Dia al posto dell'autorizzazione unica per impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili fino alla potenza di 1 MW, soglia appunto superiore a quella prevista dal D.Lgs n. 387/2003. Il congelamento dell’iter autorizzativo ha determinato la decadenza dei termini per le Dia, ponendo di conseguenza la parola fine ai progetti di centrali di fotovoltaico sotto il Mw, presenti al Comune di Cutrofiano. Il Forum ringrazia il Sindaco e la Giunta per la puntuale delibera, invitandoli a non abbassare la guardia, continuando a sostenere le nostre battaglie. La mobilitazione dei cittadini cutrofianesi, contro le centrali in zona agricola è stata premiata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment