‘La vita facile’. Il Salento come il Kenya

GUARDA IL VIDEO. Sono stati ricostruiti a Supersano gli interni del piccolo ospedale keniano al centro del film. Procacci: “Vi sfido a riconoscere qual è il Salento e quale l’Africa”

Sembra proprio l’Africa eppure è il Salento. Basta un po’ di trucco, nemmeno più di tanto, e le campagne intorno a Supersano diventano il Kenya. Accade così, perlomeno, ne “La vita facile”, il film di Lucio Pellegrini da due giorni in proiezione nelle sale cinematografiche di tutta Italia. La pellicola, prodotta dalla Fandango di Domenico Procacci, è distribuita sul grande schermo in 300 copie da Medusa. Ebbene, il basso Salento, con appena qualche “ritocco” si è trasformato nella location ideale per la storia interpretata da Pierfrancesco Favino, Stefano Accorsi e Vittoria Puccini. Le riprese si sono svolte l’anno scorso. A Supersano sono stati ricostruiti gli interni del piccolo ospedale keniano al centro della vicenda, mentre l’aeroporto Karol Wojtyla di Bari si è trasformato in un aeroporto romano. Ben un terzo del film è stato girato in Puglia che ha sostituito le ambientazioni originali, più costose, fornendo una performance a prova del più severo critico cinematografico. Il tutto, con il supporto di Apulia Film Commission. La sfida lanciata da Procacci, ora, è a capire quali scene siano realmente state girate in Africa. Non facile da dire, dato l’ottimo risultato ottenuto, per merito, ha precisato il produttore barese, “del grande lavoro sulla fotografia e sulle scenografie. La Puglia – ha continuato – adesso può essere qualcosa di più di una location naturale, grazie alle infrastrutture e alle professionalità che crescono in loco; c’è una industria che sta nascendo”. La storia. Stefano Accorsi è Luca, medico italiano operante nel malridotto ospedale umanitario in Kenya. In Africa è scappato per dimenticare un tradimento. Lo raggiunge l'amico d'infanzia Mario, Pierfrancesco Favino, anche lui dottore in fuga. E qui ritorna il Salento, perché è proprio dal Salento che Mario scappa. Lì la giustizia lo cerca per una brutta storia di tangenti. In Kenya arriverà anche Ginevra (Vittoria Puccini), moglie di Mario che presto si innamorerà di Luca. La donna era già motivo di contesa tra i due, da giovani. Ma non è tutto. Perché il Salento c’è ancora. Ed è in una “inedita” comparsa. Dal momento che i due medici (Accorsi e Favino) sono spesso impegnati in sala parto, il cast si è arricchito di un consulente ostetrico, il dottor Antonio Luperto, ginecologo e fisiopatologo della riproduzione. Salentino. Il quale ha fatto da suggeritore ai noti attori per rendere più vere le scene.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!