Ex area 'Carlo Massa': ecco il progetto di recupero

Lecce. Prevista la realizzazione di un parcheggio interrato per 498 posti. Lavori affidati alla “De Nuzzo&c Costruzioni” di Casarano

Inizieranno lunedì 7 marzo, a partire dalle ore 6, i lavori per la realizzazione del nuovo Centro direzionale e del nuovo mercato coperto di piazza Tito Schipa (area ex Caserma Massa). Per dar modo all’impresa che si è aggiudicata l’appalto (De Nuzzo & c. Costruzioni Srl di Casarano) di procedere ai lavori, il dirigente del Settore Mobilità e Trasporti ha emanato un’apposita ordinanza. Dalle 6 di lunedì e fino al completamento dei lavori è vietato il transito e la fermata con rimozione forzata di tutti i veicoli nel tratto tra via 95° Reggimento Fanteria e via S. Lazzaro, in prossimità, dunque, dell’area recintata interessata ai lavori (nell’allegata planimetria, è la zona tratteggiata). Sempre a partire dalla giornata di lunedì, dalle ore 15.30 alle ore 6 sino al completamento dei lavori, è prevista la riapertura al traffico veicolare della corsia a doppio senso di marcia, limitatamente al tratto tra via 95° Reggimento Fanteria e il nuovo accesso all’area del Mercatino dei Fiori, dove è confermato il parcheggio a pagamento dalle 16 alle 21 dei gironi feriali e il parcheggio libero dalle 21 alle 6 del giorno successivo. Sono esclusi dal provvedimento i mezzi degli operatori commerciali del Mercatino dei Fiori, limitatamente dalle 6 alle 14, e quelli dell’impresa esecutrice dei lavori. Il progetto L’intervento è localizzato nel centro urbano nelle vicinanze del Castello Carlo V in un’area di proprietà comunale che comprende le aree pubbliche risultanti dalla demolizione della ex Caserma O. Massa. La zona si pone al centro delle due piazze più rappresentative della città: Piazza Mazzini che rappresenta il centro di sviluppo per lo più commerciale di moderna impostazione e Piazza Sant’Oronzo che rappresenta la piazza simbolo del centro storico cittadino. L’intento dell’amministrazione è quello di prevedere un numero maggiore di parcheggi – interrati anche a più livelli – rispetto a quelli esistenti nonché ricomporre i due nuclei di maglia A2 compresi tra la Via 95° Reg.to Fanteria e Nazario Sauro e le Vie San Lazzaro e B. Mozzarella e Orsini del Balzo, recuperando lo spazio urbano in rapporto ai caratteri edilizi ed ambientali della zona A2 ed in relazione al centro storico ed all’ emergenza monumentale del Castello Carlo V, con interventi compatibili o conformi alle norme urbanistiche in vigore. L’ipotesi progettuale proposta e approvata dall’Amministrazione Comunale, oltre a ruotare intorno alla ricollocazione della Tettoia Liberty, è inquadrata in funzione delle esigenze attuali ma anche degli interventi futuri previsti dal Pum (estensione delle zone a traffico limitato, creazione di nuove aree pedonali). L’iniziativa prevede in sintesi la realizzazione di un parcheggio in struttura interrata per 498 posti auto, nonché il recupero dell’area fuori terra da destinare in parte a “piazza coperta” con la ricollocazione della tettoia Liberty, ed in parte a mercato rionale, centro commerciale con galleria e negozi e centro direzionale con uffici. Dati del progetto – Un parcheggio interrato multipiano, su tre livelli interrati, per complessivi 498 posti auto, con ingresso al primo livello da via 95° Regg. Fanteria ed uscita verso le vie San Lazzaro, Orsini del BALZO E Felice Cavallotti; – Un mercato rionale al coperto posto a quota – 2,30 debitamente illuminato da luce naturale con ingresso da Via Nazario Sauro composto da 10 box e 5 banchi di vendita posti nella superficie centrale con presidio per la polizia annonaria e nel piano sottostante a – 5,30 locali di servizio per gli operatori e infermeria tutto ceduto gratuitamente all'amministrazione comunale; – Box interrati posti al disotto delle aree di vendita, destinati ad esclusivo uso degli operatori del mercato e dei commercianti del centro storico, ceduti gratuitamente all'amministrazione comunale; – Il restauro e consolidamento della Tettoia liberty con il collocamento al centro dell’area tra due fabbricati a quota + 1,50 rispetto al piano stradale – Un’ampia piazza posta davanti a quella “coperta” della tettoia, e sottoposta rispetto a questa, dotata di panchine, sedili e piantumazione di verde. Il collegamento tra le due piazze, quella coperta della Tettoia posta a quota + 1,50 e quella scoperta posta a quota – 2,30) avverrà a mezzo di rampe pedonali. – Un centro commerciale posizionato alle spalle della Tettoia, composto da una galleria illuminata con luce naturale con 51 negozi su due livelli di cui una unità di mq. 122 a quota + 1,50 ceduta gratuitamente all'amministrazione comunale – Un centro direzionale composto da 95 uffici ed attività direzionali, realizzato su quattro livelli: il primo a quota + 5,30 posto allo stesso livello della galleria commerciale il secondo e il terzo a quota + 9,10 e a + 12,40 e l’ultimo a quota 15,70 comprendente anche un belvedere – Una sala Belvedere di circa mq. 180 posizionata al terzo livello all’interno dell’area Uffici ceduta gratuitamente all'amministrazione comunale

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!