Pdl, 'Consulta dei Senior': Lisi responsabile nazionale

L'organo avrà il compito di monitorare esigenze, bisogni, problematiche, aspettative e diritti delle categorie degli adulti e degli anziani

Il deputato salentino del Pdl, Ugo Lisi, è stato nominato responsabile nazionale della “Consulta dei Senior”. In questo nuovo e importante impegno sarà coadiuvato dal collega Enrico Pianetta. La “Consulta dei Senior” è stata concepita come un organismo operativo che avrà il compito di monitorare esigenze, bisogni, problematiche, aspettative e diritti delle categorie degli adulti e degli anziani. “Considero questa nomina un punto di partenza più che d’arrivo – afferma Lisi. Dopo anni di impegno personale profuso a difesa e tutela di queste straordinarie categorie. Ringrazio i Coordinatori Nazionali del Pdl, Bondi, La Russa e Verdini, per la fiducia accordata alla mia persona, una fiducia che intendo non solo come riconoscimento personale, ma soprattutto come attestazione di stima all’impegno che, insieme a tutti coloro che mi hanno sostenuto in questi anni, sono riuscito a portare avanti. Mi preme sottolineare che, proprio nell’ottica di una fattiva operatività che si intende dare alla Consulta, i responsabili nazionali del partito hanno già resi operativi gli uffici di tale organismo al II piano di Via dell’Umiltà, sede nazionale del partito. Insieme al collega Pianetta ci daremo immediatamente da fare nei prossimi giorni, non appena saranno individuati i responsabili regionali, per articolare sull’intero territorio nazionale una proficua azione a sostegno dei reali bisogni delle persone”. La neonata Consulta avrà il suo battesimo ufficiale mercoledì 9 marzo, in occasione del convegno “Anziani e Welfare”, organizzato da “Ageing Society”, che si svolgerà a Roma, presso la Sala delle Colonne della Camera dei Deputati, alla presenza del Ministro della Salute, Ferruccio Fazio e del Ministro del Welfare, Maurizio Sacconi e di Emilio Mortilla, Presidente di Ageing Society.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!