Sport e disagio dei minori. Pronti 5 progetti

Bari. Rinnovato protocollo d’intesa tra Regione e Centro di Giustizia Minorile di Puglia per attività motorie a favore di ragazzi sottoposti a provvedimento giudiziario penale. Finanziate iniziative per 40mila euro. Coinvolta la provincia di Lecce

Attività motoria e ricreativo – sportiva in favore dei giovani (italiani e stranieri) a carico dei Servizi Minorili della Giustizia per intervenire e incidere in maniera positiva nell'individuale percorso di crescita. Affinchè la detenzione non sia discarica sociale, è stato approvato il protocollo d’intesa e la convenzione tra la Regione Puglia e il Dipartimento di Giustizia Minorile – Centro per la Giustizia Minorile per la Puglia. I Centri per la Giustizia Minorile (Cgm) esercitano funzioni di programmazione tecnica ed economica, controllo e verifica nei confronti dei Servizi minorili da essi dipendenti quali gli Uffici di Servizio Sociale per i Minorenni, gli Istituti penali per i minorenni, i Centri di Prima Accoglienza, le Comunità. I Cgm, tra l'altro, stipulano convenzioni con le Università per lo svolgimento di tirocini professionali, autorizzano lo svolgimento di tesi di laurea, curano le procedure di selezione del personale in convenzione. Dopo aver presentato, a dicembre, l'istanza per il rinnovo del protocollo, il Centro, a metà febbraio, ha inviato i progetti esecutivi da realizzare nell’anno in corso, e che saranno realizzati tra il 1° marzo e il 31 dicembre 2011, grazie a una copertura finanziaria di 40mila euro assegnata al Centro e, tramite lo stesso, ai soggetti attuatori indicati nei singoli progetti. La realizzazione delle attività sarà affidata alla Uisp (Unione Sport per Tutti) e al Csi (Centro Sportivo Italiano). Tre i settori di intervento: a) attività a favore dei minori in carico agli Uffici di Servizio Sociale per i Minorenni; b) attività a favore dei minori detenuti negli Istituti penali per minorenni; c) attività a favore dei minori collocati nella Comunità pubblica di Lecce. Nel primo ambito sono stati elaborati due progetti: uno a cura del Comitato Regionale Uisp, della durata di 3 mesi (periodo ottobre – dicembre 2011), per garantire circa 50 inserimenti mensili nel trimestre, di minori in carico agli Ussm (Uffici di Servizio Sociale per i Minorenni) per le province di Lecce, Brindisi, Taranto e Bari, in attività motorie e ricreativo – sportive con tutoraggio, con decorrenza ottobre 2011 per l’importo di 6.000 euro; e l'altro “sperimentale” di durata trimestrale, a cura del Centro Sportivo Italiano – Comitato Provinciale di Taranto, per l’organizzazione e la realizzazione di un corso di preparazione alla funzione di arbitro per 9 minori dell’area penale esterna in carico all’Ussm di Taranto, con decorrenza marzo 2011, per l’importo di 2.000 euro. Promossi due progetti anche nel secondo ambito, riguardanti, l'uno, l'incentivazione di attività motoria e ricreativo – sportiva, a cura del Comitato Provinciale Uisp di Bari, rivolta a 70 minori ospiti dell’Istituto Penale per Minorenni, della durata di 9 mesi con decorrenza aprile 2011, per l’importo di 24.000 euro e l'altro, con gli stessi obiettivi, a cura del Comitato Provinciale Uisp di Lecce, rivolta ai minori che saranno ospitati dall’Istituto Penale, della durata di 4 mesi con decorrenza settembre 2011, per l’importo di 5.000 euro. Nel terzo ambito, infine, è stato elaborato un altro progetto di attività motoria e ricreativo – sportiva, a cura del Comitato Provinciale Uisp di Lecce, rivolta ad un massimo di 7 minori ospiti della Comunità Pubblica di Lecce, della durata di 2 mesi, con decorrenza novembre 2011, per l’importo di 3.000 euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!