Arte 'in progress' con il 'Gruppo Tracce'

Lecce. Sarà inaugurato, il 5 marzo, un centro per la divulgazione del patrimonio culturale mediante forme di comunicazione innovative

Nasce in via Lequile a Lecce, presso l’Ex Stazione Ippica, un centro per la divulgazione del patrimonio culturale mediante forme di comunicazione innovative, di trasmissioni di saperi e delle esperienze e competenze comuni degli artisti del “Gruppo Tracce”. La struttura ha come obiettivo quella di fornire un servizio di orientamento verso percorsi formativi e canali in grado di supportare i giovani, soprattutto salentini, nel cammino e nella crescita culturale atto a divulgare l’arte, l’artigianato e le arti sul territorio nazionale e internazionale. Il programma è concepito come un laboratorio in progress dove ogni artista e/o artigiano lavorando attraverso la sua ricerca personale sviluppa idee comuni sull’arte e la cultura in quel concetto di dialogo e contaminazione così caro agli artisti del “Gruppo Tracce”. All’interno del laboratorio creativo adatto alla pittura, scultura, decorazione della carta e del vetro, attrezzato con cavalletti e tavoli da lavoro, si evidenzia uno spazio destinato ad attività comuni compresa lettura, musica, visione di filmati e lavoro multimediale ponendosi come obiettivo la sensibilizzazione della cittadinanza all’arte contemporanea e all’artigianato artistico. La promozione del territorio attraverso l’arte e la cultura, obiettivi nei quali l’Amministrazione Comunale, l’assessore alle Attività Produttive, Luigi Coclite, e in particolare il sindaco, Paolo Perrone, hanno creduto e sostenuto, destinando gli spazi dell’ex Stazione Ippica al Gruppo Tracce in un progetto di sviluppo di creatività contemporanea fondato sulle linee prioritarie della ricerca dei talenti da un lato e delle infrastrutture dall’altro. L’inaugurazione dell’ex Stazione Ippica in via Lequile 117 avverrà sabato 5 marzo alle ore 19.30, alla presenza di sindaco e assessore e degli artisti del “Gruppo Tracce”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!