Morì in ospedale. Confermate condanne per tre medici

Lecce. 8 mesi per due medici; 6 per il 3°. L’Appello conferma la sentenza del 1° grado per l’inchiesta nata dopo il decesso di un 23enne

LECCE – Gianni De Giorgi, di San Cesario, morì a soli 23 anni il 19 aprile del 2003. Da allora sono passati quasi otto anni di logorante attesa da parte dei familiari che vogliono quantomeno che venga fatta giustizia sull’accaduto. Morì, il giovane, dopo un tragico incidente avvenuto sulla Copertino-San Donato. Le sue condizioni di salute andarono peggiorando col tempo fino a che il suo fisico, ormai debilitato, mollò le forze e cedette. Ieri sera, i giudici della Corte d’appello di Lecce, hanno confermato le sentenze emesse a carico di tre medici e dell’uomo, Antonio Luigi Coppola, che, quel 19 aprile, avrebbe provocato l’impatto. Questi si è visto dimezzare la pena, da due ad un anno di reclusione, rispetto al primo grado. Sono state confermati gli otto mesi a testa per Albino Pagano e Salvatore Fiordaliso, rispettivamente radiologi del “Vito Fazzi” e del “Città di Lecce”, ed i sei mesi per Alfredo Ghiselli, anestesista del “Città di Lecce”. I medici entrano nell’inchiesta in quanto in seguito all’incidente, il 23enne venne trasportato d’urgenza al “Fazzi” di Lecce. Lì gli vennero diagnosticati una frattura al femore sinistro ed un trauma toracico chiuso. Ma dal momento che le sue condizioni di salute non accennavano al miglioramento, i genitori decisero di trasferirlo presso la “Città di Lecce”, dove giunse debilitato. Operato al femore, contrasse un’infezione batterica che fu la causa del suo decesso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!