Il gelso secolare fa posto alla strada

Galatina. La denuncia del comitato “Galatina libera dal cemento” e della rete di associazioni ambientaliste

GALATINA – Avevano promesso di risparmiarlo. E invece il gelso secolare, che da 300 anni affondava le proprie radici in via Ugo Lisi a Galatina ieri è stato fatto a pezzi per fare posto alla tangenziale Sud Ovest. Lo denunciano il comitato “Galatina Libera dal Cemento” e la rete delle associazioni che sottolineano “superficialità e insensibilità” da parte dell’Amministrazione comunale, “incapace – dicono – di mantenere ogni forma di impegno e di interessamento verso le istanze provenienti dalla cittadinanza”. Più di una persona, riferiscono Comitato ed associazioni, si era offerta per dare una nuova casa all’albero centenario, “e invece, anziché trovare una soluzione congrua, come la stessa amministrazione aveva promesso di fare, si è pensato bene di tapparsi gli occhi ed aspettare che la notizia giungesse inesorabile, così come è stato per l’apertura dei cantieri”. “Questo – si legge in una nota congiunta – è il palesarsi di una politica dei castelli di sabbia tenuta su da traballanti bugie dalle gambe cortissime, che al primo anelito di vento va giù. Con questo ennesimo e scandaloso scempio come si potrà ancora prestare fiducia a questa orrida malapolitica fatta di spot e di certosine incapacità, tanto da non riuscire a salvare il prezioso monumentale gelso di Galatina, patriarca verde del Salento rurale, arcaico testimone vivente piantato dai nostri avi e patrimonio di tutti i salentini, permettendone così l’immorale e ingiustificato martirio, e come sperare nel virtuoso intervento da parte di questa classe politica in una vera e urgente salvezza e tutela della Quercia Vallonea di San Sebastiano che ancora oggi attende, assurdamente, la costituzione del suo doverosissimo Parco fatto di Paesaggio Rurale e Biodiversità e non di quella velenosa colata di asfalto e cemento che progetti mortificanti, oltreché datati e superatissimi prevedono”?

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati