Gasolio agricolo: ingente sequestro della finanza

I trasportatori non sono stati in grado di esibire documenti che attestassero legittima provenienza e destinazione del prodotto

Due uomini, fermati dalle Fiamme Gialle di Gallipoli, a bordo di un furgone, trasportavano, all’interno di un grosso contenitore, oltre 1.100 litri di prodotto petrolifero di colore verdastro tipico del gasolio agevolato per uso agricolo. Il gasolio è stato sequestrato perchè, nel corso del controllo, i trasportatori non sono stati in grado di esibire alcun documento di che potesse attestare la legittima provenienza e destinazione del prodotto. L'acquisto di carburante a uso agricolo può avvenire esclusivamente dietro presentazione del libretto Uma (utenti motori agricoli), che viene rilasciato in presenza dei presupposti previsti dalla legge; ciò in quanto si tratta di prodotti che beneficiano di un'aliquota fiscale agevolata. Inoltre il prodotto agevolato, durante il trasporto, deve essere accompagnato da un apposito documento che ne attesti la provenienza e la destinazione. I responsabili, segnalati all’Autorità Giudiziaria, rischiano una condanna da sei mesi a tre anni e una multa fino a dieci volte l’imposta evasa, mentre il gasolio agricolo sequestrato è destinato alla confisca.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!