Salento: disoccupazione al 19%

Lecce. Presentato il primo report dell'Osservatorio sul mercato del lavoro (Oml) della Provincia

Nel Salento, la disoccupazione si attesta attorno al 19%, 2 punti percentuali in più rispetto ai valori Istat riferiti al 2009. I dati del primo report dell'Osservatorio sul mercato del lavoro (Oml) della Provincia, elaborati dai Centri per l'impiego salentini, sono stati illustrati nel corso di una conferenza svoltasi a Palazzo Adorno dal presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, dall’assessore al Lavoro e alla Formazione, Ernesto Toma, da Antonio Lezzi, presidente dell’Ordine dei consulenti del lavoro e Cosimo Prisciano, responsabile di “ItaliaLavoro”. “Analizzando le dinamiche del sistema del lavoro locale – dichiara l'assessore Toma – possiamo proporre dei validi interventi di politica attiva, indirizzati a favorire l'incontro tra domanda e offerta di lavoro. Ma noi non vogliamo fermarci qui: miriamo a comprendere in tempo utile l'evoluzione del mercato del lavoro provinciale locale, utilizzare questo patrimonio di informazioni, per definire e attuare dei corretti e razionali interventi di politiche attive e formative. Il passaggio dalla formazione professionale, infatti, resta l'elemento indispensabile se si vuole intraprendere un solido cammino lavorativo”. Al 31 dicembre risultano iscritti ai Cpi della Provincia 526.453 persone di cui 269.083 uomini e 257.370 donne: 118.183 occupati, 150.674 disoccupati, 52.308 inoccupati e 205.208 in altri stati (cancellati dalle liste, cessati di impiego…) Lo stato dell'economia salentina è evidente dall'analisi dello strumento della cassa integrazione (in termini di ore utilizzate) che, nel 2010 ha registrato un lieve aumento rispetto al 2009. Ciò deriva, presumibilmente, dal ricorso gli straordinari, segnale legato all'acuirsi della crisi mondiale. Per leggere il report, cliccare qui

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!