Campo Rom: oggi riunione a Palazzo Carafa

Lecce. Alla luce dell'ordinanza di sgombero delle baracche si tenta un percorso comune tra amministrazione e associazioni

Si è svolto questa mattina a Palazzo Carafa un incontro per affrontare il problema della Comunità Rom ospitata al campo sosta di Panareo. Alla riunione tecnica hanno preso parte, oltre al sindaco di Lecce, Paolo Perrone, ai consiglieri Vittorio Solero e Roberto Martella, al dirigente del settore Urbanistica Maniglio e ai vertici dell’Istituzione per i Servizi Sociali, anche i rappresentanti delle associazioni del terzo settore e il rappresentante della Comunità Rom. Alla luce dell’ordinanza di sgombero delle venti baracche realizzate al Campo sosta di Panareo, è stato avviato un percorso comune per trovare una soluzione che possa soddisfare le esigenze di tutti. Nelle more i rappresentanti delle associazioni hanno preannunciato un ricorso al Tar contro la suddetta ordinanza, in attesa di individuare una strada alternativa. Il sindaco Paolo Perrone dal canto suo ha chiamato in causa tutte le istituzioni per far fronte a questo problema. “Ci hanno lasciati soli – ha affermato il primo cittadino leccese – nell’affrontare questa grave emergenza sociale”. Di qui l’appello del sindaco Perrone, in particolar modo alla Regione Puglia, affinché “metta a disposizione risorse adeguate per dare una risposta concreta alla Comunità Rom, facendo seguito così alle dichiarazioni di intenti formulate nei giorni scorsi”. Il primo cittadino leccese, inoltre, si augura che la dichiarata disponibilità di alcuni sindaci salentini ad individuare soluzioni per aiutare qualche famiglia della Comunità Rom possa tradursi in atti concreti. Nel frattempo l’argomento approderà martedì 1° marzo, nella riunione dei Piani Sociali di Zona dell’ambito territoriale sociale Lecce. Articolo correlato Campo Rom. Nessuna soluzione in vista (17 febbraio 2011)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!