In Puglia la prima notte bianca in masseria

Bit 2011. Presentato l'evento in cui i turisti si trasformeranno in contadini e prepareranno formaggio e orecchiette

Per una notte ci si trasformerà in contadini, si preparerà il formaggio, le orecchiette fatte in casa, le marmellate: “Masseria sotto le stelle” è l’evento che intende aprire ai turisti le porte dell’ospitalità e dell'accoglienza in un contesto che incarna perfettamente le caratteristiche della Puglia rurale: le masserie e le aziende agricole. L’iniziativa, presentata ieri sera al Circolo della Stampa di Milano dall’assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, Dario Stefàno, durante l'esibizione enogastronomica “Puglia una scelta di gusto”, coinvolge la rete delle aziende agricole o agriturismi che hanno diversificato la loro attività principale con iniziative didattiche, laboratori, mini corsi di degustazione di olio e vino, lezioni di cucina dei piatti tipici della tradizione pugliese, lezioni di pizzica e tarantella, concerti di musica popolare, degustazioni guidate, mostre e percorsi alla scoperta dei valori e delle tradizioni del mondo rurale. La data scelta per la prima “Notte bianca in masseria” è il 18 giugno 2011, nel week end immediatamente a ridosso del 21 giugno, inizio della stagione estiva, proponendo così ai turisti un primo assaggio dell’estate pugliese. “Un evento – spiega Stefàno – per promuovere anche i prodotti tipici e l’enogastronomia pugliese.. Tutto ciò, nell’ottica di sostenere le politiche di sviluppo territoriale sempre più orientate verso segmenti del mercato che possono consentire ampi margini di potenziamento e consolidamento delle economie locali, legate non solo al comparto delle vacanze, ma anche al posizionamento dei prodotti dell’enogastronomia pugliese di qualità sul mercato”. L’evento diviene occasione per un soggiorno nel week end, durante il quale visitare i luoghi d’arte vicini o fare un tuffo in mare. Un mix affascinante, dunque, tra ruralità pugliese, centri di grande interesse storico artistico e località balneari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!