Integrazione scolastica dei disabili. Il protocollo

Lecce. La Provincia ha attivato una rete fra enti per l’inclusione scolastica e sociale degli alunni con disabilità

LECCE – E’ stato firmato questa mattina a Palazzo Adorno l’accordo di programma territoriale per l’integrazione scolastica e sociale degli studenti disabili, che si inserisce nel quadro complessivo della programmazione unitaria e coordinata dei servizi scolastici integrati con quelli sanitari, socio-assistenziali e ricreativi. Con la sottoscrizione del documento gli attori principali (Provincia di Lecce, Ufficio Scolastico Provinciale, presidenti d’Ambito, Asl e Centri Servizi per l’Integrazione Scolastica) hanno definito i reciproci impegni istituzionali, le modalità, i tempi e gli interventi a favore dei soggetti con disabilità che frequentano la scuola, assicurandone, all’interno, la presenza di assistenti specialistici e di base. Oltre a garantire assistenza scolastica ad ipovedenti ed audiolesi dalla scuola dell’infanzia fino agli studi universitari, attraverso l’impiego di operatori socio assistenziali, la Provincia ha attivato ulteriori servizi fra cui l’attività di trasporto scolastico e di integrazione extrascolastica e sociale per gli alunni in situazioni di handicap frequentanti gli istituti scolastici superiori; percorsi di formazione professionale; attività di monitoraggio e divulgazione alla scuole dei dati sulle problematiche dell’handicap anche attraverso l’Osservatorio Provinciale sulle Politiche Sociali; il servizio sociale professionale per informare, programmare e monitorare le situazioni di handicap. “L’assessorato ai Servizi Sociali – ha aggiunto l’assessora al ramo, Filomena D’Antini Solero – promuove iniziative che favoriscono l’integrazione lavorativa dei ragazzi disabili che frequentano le scuole superiori anche attraverso progetti di alternanza scuola–lavoro”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!