Sunrise. In 23 davanti al gup

Lecce. Si è conclusa l’udienza preliminare relativa alla maxioperazione antidroga condotta per oltre cinque anni dalla Guardia di finanza

LECCE – Si è conclusa oggil’udienza preliminare del procedimento nato dalla maxi operazione internazionale antidroga denominata “Sunrise” (dal sole che sorge ad est, verso l’Albania), che il 19 febbraio scorso aveva portato all’esecuzione di 36 arresti e nove fermi. Un’indagine lunga e complessa, condotta per oltre cinque anni dalla guardia di finanza di Lecce tra Italia, Albania, Grecia e Belgio. L’inchiesta, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Lecce in parallelo con la Procura di Tirana, era stata condotta dall’Interpol e dallo Scico (Servizio centrale investigativo per la criminalità organizzata) delle fiamme gialle, e si era avvalsa anche della collaborazione degli investigatori dei Paesi coinvolti. Ingente la quantità di droga sequestrata nel corso dell’operazione al largo di Otranto. La sostanza stupefacente proveniva dall'Albania ed era diretta in Sicilia. In tutto la droga circolata in questi anni sarebbe stata pari ad una tonnellata e 300 chilogrammi di marijuana e 10 chilogrammi di eroina. I trafficanti, principalmente di nazionalità albanese, avrebbero inoltre importato almeno una tonnellata e mezza di marijuana. Fondamentali, per ricostruire scenari e passaggi dell’organizzazione di trafficanti di droga, sono state le dichiarazioni di un collaboratore di giustizia albanese: Lefter Maskaj, che ha raccontato nei dettagli la complessa struttura della rete internazionale su cui viaggiava la droga partendo dal paese delle aquile. L’udienza preliminare dinanzi al gup Vincenzo Brancato ha riguardato 23 imputati. In particolare hanno scelto l’abbreviato Adrian Aga, Isuf Brahimi, Nase Hoxhaj, Habip Hysi, Ilia Papa, Eduart Premtaj (tutti di nazionalità albanese) e Gianfranco Grimaldi. Il giudizio con rito abbreviato si aprirà il prossimo 6 maggio. Natale Cicciari, Alessandro Paparella e il greco Georgios Malatanos hanno patteggiato una pena rispettivamente di 5 anni e otto mesi, 2 anni e otto mesi e 4 anni. Hanno scelto il rito ordinario Bajram Celaj, Flamur Malaj, Arsen Marku, Ilir Mehmeti, Elidon e Erion Mingaj, Erion Mucj, Armando Sinaj Lulezim Tahirllari (tutti di nazionalità albanese), Dario Sferrazzo e Vincenzo Tarantino. Il processo a carico degli imputati si aprirà il 25 maggio dinanzi ai giudici della prima sezione penale. 19 febbraio 2010 Droga: bloccato traffico internazionale 36 arresti e nove fermi. Si è conclusa stamattina con questo risultato la maxi-operazione internazionale antidroga denominata “Sunrise” condotta da cinque anni a questa parte dalla Guardia di finanza di Lecce tra Italia, Albania, Grecia e Belgio. Coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, è stata portata a termine con la collaborazione degli investigatori dei Paesi coinvolti ed in parallelo con la Procura di Tirana. Ingenti quantitativi di droga sono stati intercettati al largo di Otranto; provenienti dall’Albania erano diretti in Sicilia. In tutto la droga circolata in questi anni sarebbe stata pari ad una tonnellata e 300 chilogrammi di marijuana e 10 chilogrammi di eroina. I trafficanti, principalmente di nazionalità albanese, avrebbero inoltre importato almeno una tonnellata e mezza di marijuana. Stamattina in Procura ha avuto luogo la conferenza stampa della Guardia di finanza, alla presenza del procuratore Cataldo Motta e del procuratore capo albanese Ina Rama. Questa si è detta contenta del risultato ottenuto ed ha dichiarato di augurarsi di poter collaborare ancora, in futuro, “a stretto braccetto con l’Italia”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!