Progetto ‘Joel’. Ovvero: arginare la fuga di cervelli

Lecce. Oggi la presentazione dell’iniziativa e del bando per la selezione di 30 laureati

LECCE – Creare occupazione nel territorio pugliese, attraverso la valorizzazione dei talenti che, privi di opportunità all’interno della regione, sarebbero altrimenti costretti a ricercare migliori e più interessanti opportunità in altre regioni italiane o all’estero. E’ questa la finalità del Progetto “Job, Excellence e Link” (Joel), che sarà presentato stamattina alle ore 12, nella sala conferenze di Palazzo Adorno dal presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, dal prorettore dell’Università del Salento Carmelo Pasimeni e dal presidente di Confindustria Puglia Piero Montinari. Nell’ambito del progetto è bandita una selezione pubblica, per titoli e colloquio, per l’ammissione di 30 laureati al percorso per la formazione di esperti in trasferimento tecnologico: ai laureati viene in tal modo offerta la possibilità di interfacciarsi con operatori dei settori tecnologicamente avanzati ed applicare le competenze tecniche ed economico-finanziarie nel settore imprenditoriale. In particolare, nel corso della conferenza saranno illustrate: l’avvenuta selezione delle idee progettuali innovative presentate da 14 aziende pugliesi; i profili richiesti; le fasi successive del progetto. I partners dell’iniziativa, che saranno presenti alla conferenza, sono Università degli Sudi della Basilicata (Garante dei talenti), Università degli Studi di Bari, Confindustria Puglia, Cna Bari, Innova spa, Invent sas e Sphera srl. Il progetto, finanziato dalla Fondazione per il Sud, nasce nell’ambito dell’invito “Sviluppo del capitale umano di eccellenza 2009 in campo tecnologico/scientifico/economico”, per finanziare iniziative esemplari per il contrasto al fenomeno della “fuga dei cervelli”. L’elemento innovativo è quello di un connubio tra sistema delle imprese e mondo accademico, dove i giovani laureati talentuosi e con spirito di iniziativa siano i veri protagonisti per il reale sviluppo del territorio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!