Depuratore rotto? Top secret

“Il sindaco non ha comunicato il danneggiamento del depuratore di Santa Cesarea a causa delle mareggiate invernali”. I consiglieri di minoranza chiedono un Consiglio monotematico

I consiglieri di minoranza di Santa Cesarea Terme tornano sulla vicenda del danneggiamento della condotta sottomarina in località “Malepasso”, causato dalle mareggiate dello scorso inverno e chiedono la convocazione di un Consiglio comunale straordinario. “Del danneggiamento della condotta sottomarina a servizio dell’impianto di depurazione di Santa Cesarea Terme, avvenuto nell’inverno scorso a causa delle avversità meteo-marine e del conseguente ripristino della stessa condotta compiuto solo negli ultimi giorni di agosto – scrive Walter Nutricato capogruppo di opposizione – era a conoscenza solo il sindaco Daniele Cretì. Evidentemente, informazioni di tale portata devono rimanere di esclusiva conoscenza e competenza del primo cittadino. Ma grazie ai mezzi di informazione, la notizia (prima riservata) ora è divenuta pubblica per i consiglieri comunali di minoranza ma anche per turisti e cittadini. Per questi motivi noi consiglieri di minoranza abbiamo richiesto al sindaco di Santa Cesarea Terme la convocazione di un Consiglio comunale, al fine di ‘chiarire’ l’intera vicenda”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment