Caro multe: è possibile pagare a rate

Lo rivela Adoc Lecce in riferimento a sanzioni superiori a 200 euro quando il trasgressore è in condizioni economiche disagiate

Adoc informa gli interessati che è possibile pagare le multe più onerose anche a rate. Il codice della strada, con legge 120/2010, ha previsto con l’art. 202 bis. la possibilità di rateizzare le sanzioni amministrative di importo superiore a 200 euro, quando il trasgressore si trovi in condizioni economiche disagiate, che siano comprovate da un reddito Irpef, che nell’ultima dichiarazione non superi 10.628,16 euro. Entro 30 giorni dalla contestazione, si può presentare una richiesta che va indirizzata al Prefetto, quando la violazione è stata accertata da funzionari, ufficiali e agenti dello Stato, nonché da funzionari e agenti delle Ferrovie dello Stato o delle ferrovie e tranvie in concessione; qualora essa sia stata accertata dagli organi regionali, provinciali o comunali competenti (ad es. Polizia Municipale), la richiesta va presentata al presidente della giunta regionale, al presidente della giunta provinciale o al sindaco, che decidono entro 90 giorni. A richiesta accolta, la sanzione viene ripartita in più rate: 12 rate per importi che non superino 2.000 euro; 24 per importi inferiori a 5.000 euro; 60 per importi anche più elevati. E’ bene sapere, però, che con l’istanza, si rinuncia ad avvalersi della facoltà di ricorso al prefetto o al giudice di pace. Chiunque volesse avere assistenza e proporre richiesta di rateizzazione alle autorità competenti, potrà rivolgersi presso i nostri uffici dovrà sarà possibile reperire ogni ulteriore informazione. Adoc è a disposizione di cittadini per ogni segnalazione e ricorda che la propria sede è aperta tutti i giorni (escluso sabato e festivi) dalle ore 9 alle 13 e dalle 16 alle 20 in via P. Palumbo, n°2, tel. 0832.246667, e-mail: [email protected] Per contatti numero telefonico presidente: 347.5599703.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!