Regione Salento. Via al tesseramento

Lecce. La campagna di adesione al movimento è partita ufficialmente oggi. Il movimento, intanto, non esclude un impegno diretto alle prossime consultazioni elettorali

LECCE – 10 euro per gli associati ordinari; 5 euro per i giovani fino a 30 anni e per gli over 65; 50 euro per i dirigenti, 100 per i sostenitori e da 500 a mille euro per le tessere Gold. Sono i costi di tesseramento al movimento Regione Salento, la cui campagna è iniziata ufficialmente oggi. I fondi raccolti serviranno a finanziare le iniziative del gruppo. Nonostante il no della Cassazione alla proposta di referendum, non si ferma l’attività del movimento che stamattina si è riunito per ripetere ancora una volta la propria intenzione di “fare il bene del Salento”, andando oltre, come ha detto il presidente Paolo Pagliaro, la burocrazia. “La democrazia – ha continuato – non si può fermare”. Non si può escludere a questo punto che il movimento possa essere intenzionato a scendere nella competizione elettorale appoggiando l’uno o l’altro schieramento. Intanto, si legge in un comunicato diramato al termine dell’incontro di oggi, a nessuno di membri è fatto divieto di impegnarsi personalmente in ambito elettorale. “Al di là della strategia complessiva le scelte dei singoli saranno rispettate. Singoli liberi di continuare a combattere questa battaglia in qualsiasi schieramento, in qualsiasi competizione elettorale”. Articoli correlati: Regione Salento. A breve la prima assemblea a Lecce (2 ottobre 2010) Lecce verso il voto sulla Regione Salento (27 novembre 2010) Regione Salento. Non della Cassazione al referendum (3 febbraio 2011)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!