Inquilini morosi. Il Comune 'avanza' 160mila euro

Lecce. Tra i casi eccellenti di cattivi pagatori ci sono la Lupiae servizi ed il Tennis Club

LECCE – Il Comune si fa i conti in tasca e scopre che all’appello mancano 160mila euro. Mica roba da poco. Li avanza, il Comune, dai suoi inquilini morosi. E tra questi, sono diversi i casi “eccellenti”. Se ne è parlato stamattina durante una non facile riunione della Commissione Bilancio a Palazzo Carafa. Tra gli affittuari morosi, la Lupiae Servizi, che per gli immobili di via Giammatteo deve al Comune la consistente somma di 75mila euro, corrispondente a più di tre anni di mensilità non corrisposte (la società partecipata paga, o meglio dovrebbe pagare, un canone di locazione di 2mila euro al mese) Non va meglio per il Circolo Tennis di Lecce che deve al Comune la cifra di 45mila euro, corrispondente, anche in questo caso, a tre anni di mensilità arretrate (1.300 euro al mese). E tra i morosi non ci sono solo enti pubblici, ma anche privati cittadini; alcuni di loro devono versare alle casse comunali cifre che si aggirano attorno ai 15mila euro. Spetterà alla Commissione ora precedere al difficile compito del recupero credito e, successivamente, all’adeguamento dei canoni di locazione rimasti arretrati. E considerando che gli immobili comunali in affitto nella città di Lecce sono in tutto 46, si prevede che l’impresa sarà tutt’altro che semplice.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!