Italia Wave. Greco: ‘La Regione apra gli occhi’

BARI – Secondo il consigliere regionale la Puglia avrebbe accolto sul proprio territorio una manifestazione in declino con dubbie ricadute occupazionali

BARI – La Puglia avrebbe raccolto una manifestazione che la Regione Toscana non voleva più. Con dubbie ricadute, per giunta, sull’occupazione di personale locale. E’ il punto di vista di Salvatore Greco, coordinatore regionale della Puglia prima di tutto, che non vede propriamente come un “affare” l’acquisizione da parte del territorio pugliese della manifestazione musicale Italia wave. Banalizzando i compensi per chi sarà occupato nei cinque giorni di kermesse, dichiara che “manovali e ‘runner’ a nero, verranno pagati 20 euro per cinque giorni […] malgrado i 200mila euro che la Regione Puglia ha graziosamente elargito a una manifestazione che dopo aver fatto il giro delle province toscane è stata messa alla porta”. Il consigliere inoltre analizza i dati relativi alla partecipazione di pubblico alla manifestazione. L’Italia Wave negli ultimi tempi avrebbe perso, secondo lui, smalto e pubblico, dimezzando gli spettatori quantitativamente, oltre che qualitativamente. Il riferimento di Greco e alle proteste dei cittadini per i bivacchi dei partecipanti, “a base – dice – di alcol e droga”. “Per fortuna – prosegue l'esponente del centrodestra – è arrivato il ‘soccorso rosso’ di Vendola e Godelli, chiamati al capezzale dai compagni toscani che, pure in una regione governata dal centrosinistra, non hanno trovato sponda“. L’ultimo pensiero è ancora una volta a chi presterà lavoro durante l’evento. “La giunta pugliese deve ora chiedere quanto meno che gli organizzatori contrattualizzino chi lavorerà e garantiscano che tutto si svolga nel rispetto delle leggi a tutela dei lavoratori e della sicurezza sul lavoro”. Articolo correlato: Italia Wave Love Festival sbarca nel Salento (7 febbraio 2011)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!