Truffa con 488. Assolti De Leo e Napolitano

Entrambi erano stati condannati i primo grado a sei mesi di reclusione. La Corte d’appello: “Il fatto non sussiste”

La Corte d’appello di Lecce ha assolto, perché il fatto non sussiste, l’ex dirigente di Omfesa Ennio De Leo (in passato assessore al Bilancio del Comune di Lecce) e il consulente aziendale Gianfranco Napolitano, accusati di tentata truffa in concorso per aver cercato di ottenere agevolazioni con la legge 488 del 1992, che prevedeva l’erogazione di contributi a fondo perduto. Entrambi erano stati condannati in primo grado a sei mesi di reclusione. I fatti risalgono al dicembre 2004, quando De Leo, in qualità di amministratore dell’azienda incaricata della manutenzione dei treni e Napolitano, in qualità di professionista incaricato per la consulenza nella pratica di finanziamento, avevano cercato di ottenere in maniera definitiva l’assegnazione di un finanziamento che ammontava a oltre 228 milioni di lire. Una richiesta che seconda l’accusa era stata avanzata in maniera fraudolenta, “mediante artifici e raggiri”, consistiti principalmente in false informazioni e documenti. Diversa invece l’opinione di giudici dell’appello, che hanno sposato la tesi del collegio difensivo, composto dagli avvocati Pasquale Corleto e Giorgio Memmo per De Leo, e Amilcare Tana per Napolitano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!