Sanza: ‘Bagnasco ha ragione’

Angelo Sanza ha appoggiato il richiamo al rigore morale in politica del cardinal Bagnasco in apertura del Consiglio permanente della Cei

A margine di un incontro sulle elezioni comunali pugliesi, il coordinatore regionale Udc Puglia, Angelo Sanza, ha brevemente commentato l’invito al rigore morale in politica emanato dal cardinale Bagnasco in apertura dei lavori dell’odierno Consiglio permanente della Cei. “Le parole del Cardinal Bagnasco erano molto attese e non sono mancati i richiami perentori perché le nubi che si affastellano sul nostro Paese possano essere al più presto diradate – ha affermato Sanza –. L’attuale fase è giustamente considerata confusa con una grave debolezza etica che porta ad una pericolosa fibrillazione politica ed istituzionale. C’è il richiamo ad un vivere corretto immedesimandosi in chi assume responsabilità pubbliche, ad avere un contegno di rispetto per il ruolo e di testimonianza verso il Paese e in particolare verso i più giovani. Inequivocabile a tale proposito – ha aggiunto – è il richiamo all’art. 54 della Costituzione che prevede un comportamento di sobrietà e di disciplina per gli uomini impegnati nelle istituzioni. Le delegittimazioni reciproche allontanano, ha correttamente richiamato Bagnasco, i cittadini dalla politica e dalle istituzioni. Forte e condiviso è infine il richiamo perché tutti si ‘fermino’ in tempo per raggiungere obiettivi che servono alle comunità. Da questo scempio ha infine correttamente richiamato il cardinale Bagnasco, i giovani rischiano di rincorrere miraggi e illusioni lontani dalla realtà. È opportuno nel nostro pensiero, più volte richiamato in questi giorni dal leader Casini – ha concluso il coordinatore regionale dell’Udc – che le forze politiche responsabili in questo Paese trovino un momento di coesione e di reciproca legittimazione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!