Confindustria. De Pascalis presidente della sezione Materiali da costruzione

Il neo-eletto: “I primi obiettivi: mantenere l’occupazione e incoraggiare la sinergia con le istituzioni”

Si è detto soddisfatto della fiducia accordatagli dai colleghi e, allo stesso tempo, consapevole dell’importante attività che la Sezione è chiamata a portare avanti. Giampiero De Pascalis, 48 anni, amministratore della Pietro De Pascalis srl è stato eletto all’unanimità presidente della sezione Materiali da costruzioni e cave di Confindustria Lecce. “L’attuale contesto economico – ha dichiarato – vede il comparto estrattivo in crisi, al pari del settore edile. Il nostro obiettivo è quello di cercare di trovare le sinergie migliori per mantenere l’occupazione di un comparto che, con la ripresa, potrà riprendere a registrare ampi tassi di crescita. In tal senso – ha aggiunto – occorre riprendere quel cammino virtuoso, quel dialogo stretto con le Istituzioni, tra cui Regione, Provincia, Comuni, Camera di commercio, Università, affinché il settore estrattivo possa tornare ad essere considerato di primo piano per lo sviluppo dell’economia, anche nell’ottica del distretto regionale. In proposito, ben vengano iniziative come quella della valorizzazione della pietra a fini ornamentali e di arredo”. // Gli altri eletti Nella stessa assemblea sono stati eletti vice presidente, Pietro De Pasquale, di Minermix; delegato in Giunta, Giorgia Marrocco, del Consorzio Pimar, che è stata riconfermata rappresentante per Confindustria Lecce nel Ctrae – Comitato Tecnico regionale Attività estrattive; delegato alla Piccola Industria, Alessandro Nisi, di Ito srl. Insieme al presidente, al vicepresidente ed ai delegati, formano il Consiglio di Sezione Piergiorgio Mazzotta, di Itasmal, Giovanni Vincenti, di Colacem – Colabeton, Massimo Coricciati, di Fratelli Coricciati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!