Omicidio Ingrosso. Accertamenti sull’auto

I militari della Sezione Investigazioni Scientifiche di Lecce e Bari hanno cercato nella vettura eventuali tracce biologiche relative al delitto

Sono stati effettuati oggi gli accertamenti tecnici sull’auto Hyundai 110 di colore blu, sottoposta a sequestro dai carabinieri nei giorni scorsi, in quanto coinvolta nell’omicidio di Antonio Ingrosso, il fabbro di Torchiarolo. La vettura è finita sotto i riflettori in quanto ripresa da impianto di video-sorveglianza collocato nei pressi dell’officina di Ingrosso il giorno dell’omicidio. Le analisi sono state svolte presso il Comando provinciale Carabinieri di Lecce ad opera dei militari della Sezione Investigazioni Scientifiche di Lecce e Bari, che hanno proceduto alla ricerca di eventuali tracce biologiche relative al delitto. Il sopralluogo, eseguito su delega della Procura della Repubblica di Lecce (pm Giovanni Gagliotta) è stato realizzato alla presenza del difensore di Mariagrazia Greco, in atto in custodia cautelare in carcere perché gravemente indiziata dell'omicidio, nonché del difensore di parte civile. I risultati dei rilievi tecnici si avranno nei prossimi giorni, a conclusione delle analisi, per essere consegnati alla Procura della Repubblica. Articoli correlati Omicidio Ingrosso Omicidio Ingrosso. Fermata la moglie Omicidio Ingrosso. L’autopsia conferma il tentativo di fare a pezzi il cadavere

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!