Un bando in memoria di don Gaetano Quarta

Due borse di studio sono state messe in palio dal Centro di fede e cultura intitolato al sacerdote e docente scomparso nel 2003

Il Centro Fede e Cultura don Gaetano Quarta costituito nel desiderio di riunire i numerosi amici di don Gaetano sacerdote e studioso di scienze umane scomparso il 3 ottobre del 2003, lo ricorda indicendo un concorso per due borse di studio. Il bando è rivolto a laureati presso l'Università del Salento o a dottori di ricerca che abbiano conseguito il titolo presso lo stesso Ateneo, a laureati in Teologia presso la Facoltà Teologica “Pio XI” di Molfetta e a laureati (laurea magistrale) in Scienze religiose presso l'Istituto Superiore di Scienze Religiose di Lecce. Gli interessati potranno richiedere copia del bando di concorso inviando una e-mail all’indirizzo [email protected] // Chi era don Gaetano Don Gaetano era una figura poliedrica, dai molteplici interessi e dalle numerose occupazioni sia nell’ambito sacerdotale sia in quello universitario. Docente ordinario di Psicologia clinica nella facoltà di Scienze della formazione presso l’Università degli studi di Lecce, ha avuto l’incarico per l’insegnamento di Psicologia generale e Psicologia dell’handicap e della riabilitazione. Ha organizzato e diretto corsi per insegnanti di sostegno presso l’Università e diretto il corso di perfezionamento in Medicina sociale. Ha fondato e diretto il Centro culturale Lithostrotos. Componente del Comitato provinciale della pubblica amministrazione per le problematiche giovanili, ha diretto numerose riviste e collane editoriali. Ha costituito la Fondazione “Gaetano Quarta Onlus” che ha come interesse la cultura e la creatività. Ha collaborato con l’Unicef per i problemi educativi dell’infanzia del mondo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!