Taranto. Detenuto aggredisce agente

L’episodio è solo l’ultimo in ordine di tempo nel penitenziario tarantino

Di Andrea Gabellone Ancora una volta, la notizia arriva da un carcere pugliese. Questa volta si tratta del penitenziario di Taranto dove, il 10 di gennaio, un detenuto ha aggredito un agente di Polizia Penitenziaria procurandogli 15 giorni di prognosi. Questo, però, è solo l'ultimo degli accaduti preoccupanti nella casa circondariale tarantina. Infatti, oltre al già discusso e ormai diffuso problema del sovraffollamento (600 detenuti per 270 posti disponibili), nel luglio scorso, dopo vane denunce per la fatiscenza dell'impianto da parte degli operatori, si è registrato il crollo di un cornicione lungo 10 metri e, solo per pura casualità, non ci sono state conseguenze. Per proseguire nell'increscioso elenco, il Sappe (Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria) fa sapere che sarebbero necessari altri 100 agenti nella struttura per poter sopperire alle emergenze create dalla cattiva gestione dell'Amministrazione penitenziaria. La massiccia presenza di detenuti affetti da problemi psichiatrici, da HIV o da epatite si scontra, come se non bastasse, con l'inadeguata assistenza sanitaria provocando disagi e pericoli per la salute di agenti e detenuti. Ancora una volta, come dicevamo, ci troviamo a denunciare gravi problemi che esistono da molto, troppo tempo e ai quali lo Stato non sembra volersi interessare. Bisognerà, come spesso accade, aspettare la tragedia per porvi rimedio?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!