Omicidio Basile. Colitti senior torna a casa

Il gip del Tribunale di Lecce, Carlo Cazzella, ha concesso gli arresti domiciliari a Vittorio Colitti, il 67enne accusato, in concorso con il nipote, dell’omicidio di Peppino Basile, il consigliere dell’Italia dei Valori assassinato a Ugento la notte tra il 14 e il 15 giugno 2008. Il provvedimento è stato firmato in mattinata. Nei giorni scorsi l’uomo era stato sottoposto a perizia medico-legale da parte del dottor Roberto Vaglio su incarico dello stesso gip. Nella sua approfondita relazione Vaglio aveva stabilito che le condizioni di salute di Colitti senior non sono compatibili con il regime carcerario. “Lo stato di salute non appare compatibile con la custodia cautelare in carcere – scrive il gip – ed impone la sostituzione della misura più afflittiva con gli arresti domiciliari presso l’abitazione a decorrere dal momento in cui i sanitari dell’ospedale di Lecce riterranno opportuno dimetter il Colitti”. “Nonostante la gravità estrema del fatto in contestazione- prosegue il dottor Cazzella -, non sembrano profilarsi esigenze cautelari di eccezionale rilevanza che impongono il ricovero in apposita struttura sanitaria”. Il 21 dicembre scorso era stata emessa una nuova ordinanza di custodia cautelare nei confronti del presunto assassino. Due giorni dopo era stato il legale di Colitti, l’avvocato Francesca Conte, a presentare istanza di sostituzione della misura cautelare per l’agricoltore ugentino. La Conte aveva sottolineato come l’uomo, già dichiarato invalido al 100 per cento, fosse affetto da gravi patologie cardiache e patologie inerenti all’apparato gastro-digirente. Pertanto la difesa aveva chiesto che al 67enne fossero concessi gli arresti domiciliari. Colitti si trova attualmente ricoverato presso il reparto di cardiologia dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce ma nelle prossime ore potrebbe essere già trasferito a casa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!