Alle Cesine il premio degli appassionati di natura

L’eletta “Oasi 2010” è un vero e proprio scrigno di biodiversità per fauna e flora unico in Italia

L’”Oasi 2010″ è la riserva naturale dello Stato, “Le Cesine”, gestita dal WWF fin dal 1980, considerata la più bella dagli appassionati di osservazione in natura di fenicotteri, aironi, anatre selvatiche e altre ‘chicche’ ornitologiche. Le Cesine, in Salento, vincono il premio grazie ad una votazione quasi ‘plebiscitaria’ (500 su 650) organizzata da “Ebn Italia”, l'associazione nazionale che si dedica alla promozione dell'attività di osservazione degli uccelli (birdwatching) www.ebnitalia.it. Sono stati proprio gli specialisti di ornitologia a sceglierla come luogo ideale in cui poter dar sfogo alla propria passione grazie ai suoi paesaggi spettacolari e la ricchezza di specie che vi sostano. La riserva è l’ultimo tratto superstite della vasta zona paludosa che si estendeva da Brindisi a Otranto e il suo paesaggio è tutto un alternarsi di dune, aree palustri, canali di bonifica, bosco misto e macchia mediterranea. L’oasi è un vero e proprio scrigno di biodiversità per fauna e flora unico in Italia: oltre 200 specie di uccelli popolano i diversi ambienti della riserva nei diversi periodi dell'anno poiché si trova proprio lungo una delle principali rotte migratorie che attraversano la nostra penisola. Le Cesine, una delle 100 Oasi del WWF è la prima area protetta in Puglia ed è stata strappata alla caccia e alla speculazione edilizia dal 1979 e si estende per 380 ettari. Carmine Annicchiarico direttore della riserva ha dichiarato: “il premio oltre ad andare alla biodiversità de Le Cesine, va a chi in questi trent’anni ha saputo conservare la Riserva dai continui attacchi di chi dimentica continuamente per vari interessi il valore della Natura. Inoltre non posso fare altro che ringraziare le migliaia di visitatori che ogni anno arrivano a Le Cesine e che hanno reso possibile questo successo, così come il Corpo Forestale dello Stato e il Settore Foreste della Regione Puglia con cui quotidianamente collaboriamo”. Gli ospiti dell'Oasi: oltre 200 specie di uccelli In inverno, nei pantani, le anatre e altri uccelli acquatici (Codoni (Anas acuta), Mestoloni (Anas clypeata), Alzavole (Anas crecca), Fischioni (Anas penelope), Moriglioni (Aythya ferina), Morette (Aythya fuligula), Volpoche (Tadorna tadorna)) trovano un sicuro riparo, anche se non mancano le occasioni di incontrare specie rare ed elusive anche negli altri ambienti. I birdwatchers possono spesso ammirare anche l'Aquila minore (Hieraaetus pennatus). In primavera e autunno le migrazioni tra Africa e Europa sono il pretesto per i visitatori per ammirare le spettacolari evoluzioni dei rapaci (Albanelle minori (Circus pygargus), Falchi di palude (Circus aeroginosus), le rare Albanelle pallide (Circus macrorus), gruppi di Grillai (Falco naumanni) e Falchi cuculo (Falco vespertinus)). Tra le rarità nidificano ben due coppie di Fistione turco (Netta rufina) mentre i tratti do bosco sono popolati da fringuelli, cinciarelle, cinciallegre, occhiocotti e usignoli, i veri sovrani assoluti. Fra i canneti le specie nidificanti come la folaga, il tuffetto e il germano reale approfittano della tranquillità del luogo per allevare i propri piccoli e le dune offrono altrettanta pace a Fratini (Charadrius alexandrinus) e Fraticelli (Sterna albifrons). I tanti bird-watchers che frequentano questi posti incantati possono ammirare anche il Pellicano bianco (Pelecanus onocrotalus), il Gabbiano corso (Larus audouinii), ma anche la curiosa presenza del Vescovo dorato (Euplectes afer), specie esotica che ormai nidifica ogni anno. Il concorso Ebn Il concorso di Ebn per la selezione dell’area prescelta dai suoi soci, giunto alla sua quinta edizione, è destinato a parchi, riserve naturali, oasi a gestione statale, privata o da parte di associazioni che dimostrano di essere interessate a sviluppare al loro interno l’attività di osservazione dell'avifauna. Le oasi che si sono contese il premio finale quest’anno erano Bolgheri (Livorno), Racconigi (Cuneo) e appunto Le Cesine. Negli anni scorsi le oasi vincitrici sono state l'Oasi Lipu di Massaciuccoli, la riserva naturale regionale dell'Isola della Cona, la riserva naturale Lipu Saline di Priolo Gargallo, la riserva naturale speciale palude di Casalbeltrame.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!