Rapinano la banca col taglierino

Lecce. In due hanno preso di mira il Banco di Napoli di viale Leopardi. Il colpo ha fruttato qualche migliaio di euro

Ancora criminalità in azione nel Salento ed ennesima rapina in banca compiuta ai danni di un istituto di credito del capoluogo salentino. Un colpo che ha fruttato ai due rapinatori entrati in azione un bottino di qualche migliaio di euro. A tanto ammonterebbe, infatti, secondo le prime stime, la cifra sottratta da due malviventi che questo pomeriggio, intorno alle 15.30, hanno fatto irruzione all’interno della filiale del Banco di Napoli, che si trova in viale Leopardi, a Lecce, non lontano dal centro cittadino. Il colpo è stato messo a segno in pochi minuti. Mancavano pochi minuti alla chiusura al pubblico quando due uomini, con il volto travisato da un casco e una sciarpa, hanno fatto irruzione nella filiale dell’istituto di credito. La banca era poco affollata, solo qualche cliente che si era attardato in fila agli sportelli. I rapinatori sono riusciti ad eludere i sistemi di sicurezza grazie all’impiego di semplici taglierini. E sotto la minaccia di quelle armi, si sono fatti consegnare dagli addetti alle casse il bottino. I rapinatori si sono dunque allontanati a tutta velocità, con ogni probabilità a bordo di uno scooter, facendo perdere le loro tracce. Immediatamente è scattato l’allarme, e pochi minuti dopo sul posto sono arrivati gli uomini della Squadra mobile e della sezione antirapina della questura di Lecce, oltre ai carabinieri, cui ora sono affidate le indagini. I militari hanno raccolto la deposizione di tutto il personale e dei clienti presenti all’interno della banca al momento della rapina. Inoltre sono stati acquisiti anche i nastri registrati dal sistema di videosorveglianza di cui la filiale è dotata. Nastri che sono al vaglio degli investigatori per trarre informazioni utili all’identificazione dei malviventi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!