A.A.A. Farmacia Comunale Vendesi

I Melissanesi prima sono stati tartassati e poi spogliati dei loro averi. La denuncia del Capogruppo di Melissano Cambia, Roberto Tundo.

Facciamo un po' di chiarezza, visto che i Democratici per Melissano si attribuiscono meriti che non hanno, vantandosi addirittura di aver abbassato la tassa sui rifiuti. Da quando il Comune di Melissano è governato da Roberto Falconieri, le tasse sono tutte (ma proprio tutte) aumentate, altro che diminuite! – TASSA SULLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. Nel 2008 e nel 2009 la Giunta Falconieri ha aumentato la tassa sulla raccolta e sullo smaltimento dei rifiuti complessivamente del 30%, nel 2010 la tassa è stata ridotta del 20%. E' di tutta evidenza che i cittadini di Melissano, da quando Falconieri è sindaco, pagano quasi il 10% in più per il servizio di smaltimento dei rifiuti. – ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. Prima di Falconieri era del 4 per mille, la Giunta Falconieri l'ha aumentata al 6,5 per mille. – CONTRIBUTO PER IL RILASCIO DEI PERMESSI DI COSTRUIRE. Prima di Falconieri era di € 148,48 a metro quadrato, la Giunta Falconieri l'ha aumentata a € 242,10 a metro quadrato. – IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (ICI) sulla prima casa, è stata abolita, ma non dalla Giunta Falconieri: i melissanesi non pagano più la pesante imposta per esclusivo operato del governo Berlusconi! Questi sono i fatti! Roberto Tundo capogruppo di Melissano Cambia P.s. Per completare il quadro della situazione, c’è da aggiungere che venerdì prossimo, 14 gennaio, è stato convocato il Consiglio comunale in cui si discuterà, tra l’altro, il seguente ordine del giorno: “Società farmacia comunale di Melissano srl – Cessione parziale del 25 per cento del capitale sociale delle quote di proprietà del Comune di Melissano”. E’ demagogia dire che i cittadini di Melissano sono stati prima tartassati e poi spogliati dei loro averi? Melissano 11 gennaio 2011

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!